Dimissioni UFFICIALI: ora si complicano i piani dell’Inter

0
970

Tutto fatto per le dimissioni. Adesso sì che si complicano per davvero i piani dell’Inter. Ecco tutti i dettagli in merito all’accaduto

Premesso che, nonostante queste siano ore caldissime per l’Inter, gli stessi nerazzurri, al momento, non hanno benchè la minima voglia di volersi fermare e così facendo, proprio per questo, l’intera dirigenza della ‘Beneamata’ continua a monitorare più di qualche semplice scenario.

Dimissioni UFFICIALI: ora si complicano i piani dell'Inter
Beppe Marotta ©LaPresse

Difatti, dopo aver depositato in mattinata i contratti di Andrè Onana ed Henrikh Mkhitaryan, i nerazzurri continuano ora a lavorare a quanti più altri colpi possibili. Nonostante questo quindi, diventa doveroso agire anche sul piano delle uscite e proprio per questo, tra la lista dei partenti, c’è non soltanto il nome di Alexis Sanchez ma anche quello di un altro attaccante tra Edin Dzeko e Joaquìn Correa. Da qui però, i piani dell’Inter incominciano ad essersi complicati ulteriormente, in quanto, durante queste ultime ore, il tecnico Jorge Sampaoli ha comunicato le proprie dimissioni al suo ormai ex club.

Calciomercato Inter, bufera Sampaoli-Marsiglia: il tecnico ha appena comunicato le proprie dimissioni

Calciomercato Inter, bufera Sampaoli-Marsiglia: il tecnico ha appena comunicato le proprie dimissioni
Jorge Sampaoli ©LaPresse

Stando infatti a quanto riportato da ‘L’Equipe’, durante queste ultime ore, Jorge Sampaoli, ha deciso di dare nota della propria separazione – con un anno d’anticipo insomma – dall’Olympique Marsiglia, in quanto l’ex allenatore de ‘La Albiceleste’ non si è propriamente detto soddisfatto delle scelte apportate dalla dirigenza francese in chiave mercato. Una volta arrivati a questo punto quindi, saltano così – e di conseguenza – le possibili operazioni riguardanti Alexis Sanchez e Joaquìn Correa, in quanto, il primo ad aver manifestato un interesse nei confronti della coppia d’attacco nerazzurra, era stato proprio lo stesso Sampaoli.