È ufficiale: rottura totale, avvocati in azione

0
906

Rottura ufficiale. L’addio è ormai ad un passo ed i primi provvedimenti sono già stati presi. Tutto quello che c’è da sapere su questa situazione

La crisi che c’è stata e che continua ad esserci tutt’ora tra entrambe le parti, è oramai sotto gli occhi di tutti, al punto che si va sempre più verso una strada senza via d’uscita. In questo senso, non possiamo far altro che riferirci alla vicenda andata in scena negli scorsi mesi tra l’Inter e la Digitalbits.

Ausilio, Marotta e Antonello ©LaPresse

Arrivati l’un l’altro allo scontro ormai da tempo, è evidente che i nerazzurri a questo punto, non proseguiranno il proprio cammino assieme all’importante azienda di cripto-valute. Il tutto perché la stessa Digitalbits, da un giorno all’altro, ha in sostanza deciso di non versare più alcun soldo nelle casse societarie dell’Inter. I motivi di ciò non sono ancora del tutto chiari, certo è che, a fare ulteriore chiarezza, ci ha pensato lo stesso Alessandro Antonello.

Antonello ci va giù sul pesante: “La Digitalbits non ha ancora versato nulla. La società ha già intrapreso tutte le azioni necessarie”

Alessandro Antonello in compagnia di Paolo Scaroni ©LaPresse

Intervenuto a margine dell’assemblea tenutasi quest’oggi tra i soci dell’Inter, lo stesso ad nerazzurro Alessandro Antonello ha da lì colto l’occasione per poter parlare a proposito della questione sponsor. Queste le sue prime dichiarazioni: “Tutta questa situazione sulla crisi delle cripto-valute sta impattando tutt’ora sui risultati del nostro club. Faccio riferimento all’accordo di sponsorizzazione sottoscritto con la DigitalBits, i cui importi non sono ancora stati versati e con motivazioni giudicate da noi del tutto infondate. L’intera dirigenza ha perciò chiesto l’adempimento del contratto concordato nel recente passato, annullando di fatto la visibilità del brand su tutti i mezzi, ad eccezione della maglia da gioco della prima squadra maschile. Sono in corso alcune trattative per la risoluzione della vertenza, anche se attualmente non è possibile prevederne l’esito. La società ha già dunque intrapreso tutte le azioni necessarie sul mercato, avviando altre negoziazioni, in modo tale da far subentrare la nuova partnership il prima possibile”. In seguito l’amministratore delegato nerazzurro ha badato anche ad altri temi:

STADIO – “Lo stadio è una tematica strategica per il nostro club. Il dibattito pubblico è in corso. Avendo poi permesso a tutti coloro che avessero delle loro idee di suggerire queste proprie iniziative, gli esiti si sono rivelati positivi. Abbiamo sentito il sindaco Sala che si è detto fiducioso sulla delibera favorevole. Qualora non ci fossero richieste che stravolgessero il nostro club, dovremo arrivare a pensare ad una soluzione alternativa, che ci permetta di avere uno stadio all’altezza dei club europei e di avere altresì nuove risorse che ci garantiscano la giusta competizione a livello internazionale”.

SETTLEMENT AGREEMENT –  “Il club rientra nelle regole del financial fair play. Il parametro non sarebbe nient’altro che quello del pareggio di bilancio nel triennio. C’è stato in passato un disavanzo relativo al periodo di monitoraggio, concludendo poi una inadeguata conformità. In virtù di questo, c’è stato poi un settlement agreement con la UEFA. L’accordo verrà applicato fino al 2026-27. Quattro milioni di sanzione più una potenziale di ventidue, sospesa in quanto è in funzione del rispetto degli obiettivi economici negli anni di validità”.

BOND – “Abbiamo rinegoziato un bond nello scorso febbraio. Si è rivelata alla fine un’operazione di successo, dove i richiedenti erano ben superiori all’offerta. A causa poi di alcune situazioni socio-economiche legate agli impatti della guerra, abbiamo tassi di interesse molto elevati. Il mercato dei capitali sta perciò subendo una forte contrazione. Le condizioni di mercato sono molto diverse rispetto a quelle del 2017. In questo momento non ha senso andare sul mercato e ci sarà perciò più in là un’altra eventuale opportunità di negoziazione”.

NIKE – “Abbiamo trovato nuovi sponsor e siamo vicini alla chiusura di un altro accordo con la Nike. Quest’altra collaborazione partirà dal 2023-2024 e ci permetterà di essere riconosciuti come club di primo livello in Europa e unico partner in Italia per il brand. Ci auguriamo che tutto questo possa servire nella nostra espansione a livello globale”.

CAMPAGNA ABBONAMENTI – “La campagna abbonamenti è iniziata con grandissimo successo. La vendita è andata man mano esaurita e abbiamo già aperto le liste d’attesa per la prossima stagione”.