Interlive | Intreccio con l’Inter per la porta: spunta una penale

0
35

L’Inter cerca un vice-Onana. Tuttavia l’uomo tenuto d’occhio per il ruolo in porta piace anche a un’altra squadra che ha bisogno di sostituire il suo titolare: l’intreccio è complicato

Il portiere che piace all’Inter è Yann Sommer. Ma sullo svizzero ci sono anche gli occhi del Bayern Monaco. I tedeschi sono infatti ancora alla ricerca di una soluzione al problema in porta.

Vice-Onana cercasi
Onana ©LaPresse

Il numero uno del Bayern, Manuel Neuer, ha subito una frattura alla gamba in un incidente sugli sci. E quindi se starà a casa per il resto della stagione. Per sostituirlo, i tedeschi avevano pensato di riportare in Monaco di Baviera prima del previsto Alexander Nübel, che avevano ceduto in prestito al Monaco, quello francese. Ma per farlo, cioè per concludere con anticipo e unilateralmente il prestito, non solo bisognerebbe pagare una penale ma anche rovinare i rapporti con il Monaco.

Per questo il Bayern starebbe pensando a un’alternativa. E quest’alternativa per la porta rimanda a un nome seguito anche dall’Inter e che al contempo complica enormemente l’intreccio futuro sul mercato degli estremi difensori. In Germania scrivono che sia il Monaco che lo stesso portiere Nübel siano un po’ offesi dal comportamento del Bayern, e che per questo non si possa portare a termine l’ipotesi della cessazione del prestito. Quindi si punta tutto su Yann Sommer?

Stando alle informazioni raccolte da Interlive.it, il ventiseienne Alexander Nübel resta la vera priorità per la sostituzione temporanea di Neuer. E se i tedeschi non hanno discusso ancora con i monegaschi, lo faranno presto, proponendo appunto una sorta di penale per riprendersi subito il portiere e stralciare l’accordo raggiunto nell’estate 2021.

Intreccio di nomi per la porta: cosa succede all’Inter

Il nome di Sommer, come più volte ripetuto negli ultimi giorni, piacerebbe all’Inter per sostituire Samir Handanovic. Tuttavia anche per i dirigenti nerazzurri sembra difficile immaginare che il portiere svizzero possa accettare ruolo di vice e soprattutto uno stipendio di gran lunga inferiore ai tre milioni che percepisce Onana. La politica dei nerazzurri sul secondo portiere è infatti chiara: Handanovic rimarrà solo se si taglierà lo stipendio, e chiunque arrivi al suo posto dovrà percepire due milioni o due milioni e mezzo al massimo di ingaggio.

E ora con il possibile inserimento del Bayern, in grado di garantire a Sommer almeno una mezza stagione di titolarità, per l’Inter diventa sempre più complicato tentare o persuadere il nazionale svizzero.

Sommer: il piano b

L’altra alternativa in porta per l’Inter è Agustín Daniel Rossi, estremo difensore ventisettenne del Boca, in scadenza e voglioso di giocare in Europa. I suoi procuratori lo hanno già offerto ai dirigenti nerazzurri, che lo stanno valutando. Abbiamo spiegato bene la situazione relativa a Rossi in una precedente esclusiva di Interlive.

Sommer, fra Inghilterra, Germania e Italia
Sommer ©LaPresse

E poi Piero Ausilio e Beppe Marotta tengono d’occhio anche Neto, un portiere che negli anni scorsi è stato più volte vicino all’Inter. Beppe Marotta conosce bene quest’ultimo e sta cercando di prenderlo.

Intanto quelli del Borussia Gladbach fanno sapere di aver offerto a Sommer una proposta di prolungamento di contratto. Quindi lo svizzero potrebbe anche rimanere dov’è, stupendo tutti. L’intreccio in porta per l’Inter dipende molto dalla volontà di Sommer. Cosa farà? Si trasferirà in Baviera, resterà al Borussia o cercherà una nuova avventura?

In quest’ultimo caso occhio anche alle offerte che arrivano dall’Inghilterra (lo vuole il Manchester United a zero per l’anno prossimo o, ma potrebbe anche prenderlo subito). La finestra di trasferimento invernale si apre il primo di gennaio, mentre la Bundesliga ricomincia il 20 gennaio, quando la Premier League sarà già cominciata (in Inghilterra si riprenderà già con il Boxing Day in programma il 26 dicembre), quindi la meta più improbabile per lo svizzero, visti i tempi, sembra proprio quella britannica.