“Accelerata e chiusura vicina”: Kessie-Inter, c’è la svolta

0
1460

Un nuovo acquisto dei ‘blaugrana’ libera Kessie dal Barcellona. C’è anche la mano di Mendes di mezzo. L’Inter nel frattempo osserva attentamente la situazione e spera

Sono stati mesi tutt’altro che agevoli quelli vissuti negli ultimi tempi da parte del Barcellona, club che, così come l’Inter, si è trovata ad avere a che fare con importantissimi problemi finanziari…Anche se in maniera decisamente più grossolana.

Xavi Hernandez ©LaPresse

A testimonianza di ciò infatti, i ‘blaugrana’ hanno fatto registrare nell’ultimo bilancio pubblicato una perdita da 481 milioni di euro, alla quale si aggiunge poi un indebitamento complessivo pari ad 1 miliardo e 150 milioni. Nonostante questo però, il Barcellona è comunque riuscito a mettere a segno diversi colpi di mercato. Pensiamo per esempio alle operazioni che hanno portato gente come: Raphinha, Christensen, Lewandoski, Kounde e tanti altri a vestire la maglia del Barça negli scorsi mesi.

Soffermandoci su un’altra questione ora, per Xavi e i suoi si fa sempre più forte l’esigenza di avere un nuovo centrocampista. Perché questo? Se non altro per il fatto che l’attuale tecnico dei catalani non reputa Franck Kessie al centro del progetto, motivo per cui lo stesso ivoriano può arrivare a salutare a fine stagione. Su di lui c’è non a caso l’Inter…E la notizia che sorprende non è questa: in quanto sarebbe spuntata fuori nelle ultime ore l’ipotesi di vedere approdare un nuovo giocatore dalle parti di Barcellona (scenario che darebbe dunque il via libera ai nerazzurri per l’ex Milan).

Calciomercato, il Barcellona si fa avanti per Ruben Neves: Kessie è ormai ai saluti e l’Inter apprezza

Stando infatti a quanto riferito direttamente da ‘Marca’ nelle ultime ore, il Barcellona è seriamente intenzionato a tesserare Ruben Neves entro la prossima stagione (più verosimilmente a giugno dunque). Il giocatore andrà in scadenza nel prossimo 2024 ed in virtù di questo non prolungherà il suo contratto assieme al Wolverhampton.

Il Barcellona vuole chiudere per Ruben Neves
Ruben Neves ©LaPresse

A dirla tutta poi, il centrocampista portoghese appartiene all’agenzia di Jorge Mendes, lo stesso agente di Cristiano Ronaldo e di Alex Balde – terzino che si appresta a rinnovare col Barça da un momento all’altro – per intenderci. Sarebbe questa non a caso l’eventuale ed ipotetica operazione che accelererebbe dal nulla l’uscita di Kessie dal Barcellona. L’Inter ci spera moltissimo e, allo stesso tempo, confida nel fatto che i ‘blaugrana’ arrivino a dare il via libera per il prestito secco – anche con diritto nel caso – inserendo in aggiunta un contributo al pagamento di una parte di stipendio.

Canovi a Tv Play: “Thuram giocatore di assoluto livello e prontissimo per l’Italia. Ma c’è il pericolo Premier”

Il fatto che Marcus Thuram piaccia da moltissimo tempo all’Inter è cosa ormai assai risaputa, al punto stesso che sono già incominciati ad emergere fuori i primi rumors di mercato: non soltanto sui nerazzurri dunque, bensì anche su alcuni club di Premier.

Il giocatore, non a caso, intriga e non poco sia il Manchester United che il Newcastle: potenziali scenari che qualora dovessero seriamente concretizzarsi metterebbero del tutto fine all’idea di poter vedere un giorno il centravanti francese con indosso la maglia dell’Inter. A dire la sua quindi su questa vicenda, ci ha pensato una persona in particolare.

Canovi dice come stanno le cose per Thuram
Alessandro Canovi a Tv Play (Screenshot Calciomercato.it)

Una volta intervenuto a ‘Calciomercato.it‘ in onda su Tv Play, il noto ed esperto agente Alessandro Canovi non ha minimamente perso tempo per soffermarsi sulla questione Thuram. “È un giocatore di assoluto livello ed è prontissimo per l’Italia. Sono certo che all’Inter farebbe bene. E’ un esterno vecchia maniera. Se dovessero mettersi di mezzo le sirene inglesi però, sarebbe a quel punto che saremmo fuori. E’ vero; abbiamo una certa rilevanza nel mondo, ma siamo visti solamente come un campionato dove crescere. I francesi vedono la Premier come una destinazione finale. Diversi anni fa invece, questa forza l’aveva il campionato italiano. Ora si è perso tutto”.