Inter, dalla tripletta all’addio lampo: giocherà contro Ronaldo

0
14

Nonostante un passaggio fugace, durato solo una stagione, i tifosi dell’Inter ricorderanno senz’altro Ever Banega. L’argentino ora gioca in Arabia Saudita

Il legame tra l’Inter e gli argentini è stato storicamente sempre molto forte a suon di calciatori che hanno anche contribuito a fare la storia del club meneghino. C’è però anche chi come Ever Banega è stato semplicemente di passaggio.

Banega dalla tripletta all'addio immediato fino all'avventura araba: ora lotta per il titolo con Ronaldo
Banega ©LaPresse

‘El Tanguito’, così è soprannominato il centrocampista nato a Rosario nel 1988 che nell’estate 2016 passò a costo zero proprio all’Inter, tra i grandi affari di quella campagna acquisti. In nerazzurro arrivava infatti un calciatore di qualità, dall’ottima esperienza internazionale e reduce da annate molto positive in quel di Siviglia. I presupposti erano dunque quelli migliori per Banega che in quegli anni era anche un nazionale argentino, tanto da partecipare a tutte le spedizioni più importanti dell’albiceleste di quel periodo. Visione di gioco, capacità nello stretto, tecnica ed anche buon feeling con la porta avversaria: queste erano alcune delle caratteristiche con le quali El Tanguito si era avvicinato al mondo Inter. Le cose poi sul campo sono andate in maniera discordante, con sprazzi di talento puro ed altri momenti meno incoraggianti, anche se poi numeri alla mano l’unica stagione interista dell’argentino può considerarsi anche positiva.

Banega dalla tripletta all’addio immediato fino all’avventura araba: ora lotta per il titolo con Ronaldo

Dopo una sola stagione a Milano con 33 presenze e 6 reti Banega decide di lasciare subito l’Inter proprio per tornare in quel Siviglia che lo aveva reso grande e che lo accompagnerà per altre tre annate prima di un cambio radicale di vita.

Banega dalla tripletta all'addio immediato fino all'avventura araba: ora lotta per il titolo con Ronaldo
Banega ©LaPresse

L’istantanea più bella dell’argentino a Milano risale al 12 marzo 2017 quando Banega mise a segno una sontuosa tripletta in un 7-1 casalingo rifilato dai nerazzurri all’Atalanta. Un pomeriggio magico ricordato con affetto dallo stesso calciatore qualche anno dopo in un’intervista a ‘Calciomercato.it’: “Giocai 70 minuti, segnai tre gol e firmai due assist. Quel giorno mi riuscì tutto alla perfezione. E chissà cosa sarebbe accaduto se avessi giocato 90 minuti (ride, ndr). Fu la mia prima ed unica tripletta in carriera”.

Poi l’addio precoce con il richiamo forte del ‘suo’ Siviglia che ha preceduto un nuovo cambio di maglia nel luglio 2020 (allungatosi poi a settembre causa Covid). Da quel momento infatti Banega gioca in Arabia Saudita e precisamente con la maglia dell’Al-Shabab squadra che peraltro proprio quest’oggi giocherà lo scontro diretto per la vetta contro l’Al-Nassr, ovvero la società che ha preso recentemente Cristiano Ronaldo. CR7 non ci sarà ancora per squalifica, ma la corsa al titolo del cinque volte Pallone d’oro dovrà passare anche dalla sfida a distanza con l’Al-Shabab di Banega.