Strada in salita e 80 milioni: l’Inter fatica doppio

Due piste difficilissime per i nerazzurri di Inzaghi, tallonati dalla concorrenza e dai costi elevati imposti dalla società cedente

Le speranze di mercato dell’Inter si complicano. La prima chiara offerta da 30 milioni per il cartellino di Romelu Lukaku è stata respinta dal Chelsea con un sordo rifiuto, lasciando addirittura intendere che ci possa essere la Juventus sullo sfondo del calciatore per permettere al suo club di arrivare a Dusan Vlahovic.

Scalvini e Koopmeiners piste difficili per l'Inter
Simone Inzaghi, tecnico dell’Inter (LaPresse) – interlive.it

Così il club nerazzurro, se dovesse ancora voglia del belga, dovrà necessariamente rilanciare per convincere i ‘Blues’ della bontà dell’affare. I 45 milioni richiesti sono però ancora troppi e brucerebbero tutti gli sforzi fatti per la cessione di André Onana, ormai prossimo al Manchester United per 55 milioni dopo l’addio ufficiale di David De Gea.

Ma l’affare Lukaku non sarebbe l’unico a trovare qualche difficoltà di troppo. Perché dopo aver acquisito Yann Aurel Bisseck e trovato la via del rinnovo per Stefan de Vrij, l’Inter ha comunque ancora bisogno di un altro difensore centrale di sostanza che non sia il buon Francesco Acerbi. Ultimamente si era ipotizzato di alcuni profili di spessore, fra cui anche il baby talento azzurro Giorgio Scalvini.

Calciomercato Inter, Scalvini e Koopmeiners troppo costosi

Quest’ultimo piace da matti anche al Napoli, orfano di Kim Min-Jae, ma i prezzi dettati dalla dirigenza dell’Atalanta sono assolutamente fuori da ogni range: si parla di almeno 50 milioni di euro senza sconto alcuno, per pensare di strappare dalle mani di Gian Piero Gasperini un calciatore che ha cresciuto e coccolato nei suoi schemi tattici.

Scalvini e Koopmeiners piste difficili per l'Inter
Giorgio Scalvini, difensore centrale dell’Atalanta e obiettivo di mercato dell’Inter (LaPresse) – interlive.it

Su di lui, poi, ci sono anche realtà estere come Liverpool, Real Madrid e Manchester City. Insomma nient’affatto una passeggiata da affrontare, perché nettamente più in salute dell’Inter e con maggiore spazio di manovra sul mercato.

Oltre a Scalvini, anche Teun Koopmeiners appare oggi una pista particolarmente dura da percorrere. L’Atalanta chiede almeno intorno ai 40 milioni per il proprio centrocampista, sondato diverse settimane or sono anche da Milan e Juventus, per liberarlo a titolo definitivo in questa sessione.

Bis improponibile, dunque, per le casse societarie nonostante figurino ancora nei piani di Giuseppe Marotta e Piero Ausilio. Con buona probabilità però verranno presto cancellati dalla lista della spesa per fare spazio, eventualmente, a profili meno impegnativi e di contorno. Sempre che le richieste di Simone Inzaghi siano accontentabili.

Impostazioni privacy