Inter, Fair Play Finanzario: comunicato UFFICIALE dell’UEFA

Come Milan e Roma anche l’Inter promossa dall’UEFA per il rispetto del settlement agreement firmato nei mesi passati in materia Fair Play Finanziario 

Buone notizie per l’Inter nell’esercizio di bilancio del 2022. Dopo l’analisi da parte dell’organo di controllo preposto dall’UEFA in materia di Fair Play Finanziario, il club nerazzurro era infatti finito nel mirino assieme a tanti altri club europei (fra cui anche Milan e Roma delle italiane) per aver superato determinati limiti sulle spese di mercato.

L'Inter rientra nei parametri del settlement agreement sul Fair Play Finanziario imposti dalla UEFA
Alessandro Antonello, CEO dell’Inter, ai vertici dirigenziali con il presidente Steven Zhang e l’amministratore delegato Giuseppe Marotta (LaPresse) – interlive.it

Pertanto, la stessa Federazione Europea aveva predisposto – come prassi richiede – un settlement agreement appositamente studiato per permettere ai club indagati di rientrare nelle rispettive posizioni senza andare incontro a multe o pericoli finanziari di alcun genere.

In questo è stata brava la dirigenza nerazzurra, coadiuvata dal prezioso aiuto di esperti economisti del settore, a far quadrare i conti entro la scadenza fissata. Come racconta la nota ufficiale pubblicata sui canali web UEFA di libera consultazione, la Prima Camera del CFCB ha concluso le valutazioni relative agli esercizi del quadriennio 2019-2022 sulla base del vecchio ordinamento dell’Edizione 2018 in materia FFP.

Un altro anno in positivo, l’Inter rispetta il settlement agreement del Fair Play Finanziario di UEFA

Ad esser saltata fuori è stata la buona condotta di Inter, Milan, Roma, Monaco, Besiktas e Paris Saint-Germain nell’adempimento dei rispettivi obbligo. Adesso la CFCB continuerà a monitorare la situazione anche per la prossima stagione, come da precedenti accordi. Soltanto il Lille, invece, ha avuto il permesso di uscire definitivamente fuori l’accordo transattivo.

L'Inter rientra nei parametri del settlement agreement sul Fair Play Finanziario imposti dalla UEFA
L’Inter rientra nei parametri del settlement agreement sul Fair Play Finanziario imposti dalla UEFA (LaPresse) – interlive.it

A non aver invece centrato l’obiettivo relativo ai trasferimenti dei cartellini dei calciatori sono stati i club Royal Antwerp e Trabzonspor, multate entrambe per 2 milioni di euro. Leggera sanzione anche per il Barcellona, storicamente presa di mira dall’UEFA per il mancato rispetto degli accordi, ma questa volta non relativi a operazioni di mercato quanto alla carente comunicazione di affari immateriali. Allo stesso modo il Manchester United per non aver pareggiato il bilancio.

Verosimilmente l’Inter continuerà a portare il bilancio in positivo anche nel corso dell’annata che seguirà, avendo fissato come obiettivo di mercato la possibilità di acquisire le prestazioni sportive dei calciatori a parametro zero risparmiando dunque sulle cifre in essere per il trasferimento dei relativi cartellini.

Impostazioni privacy