Come per Lukaku, 35 milioni e l’Inter piazza il colpo

L’Inter era pronta a spendere 35 milioni per prendere Lukaku: quello stesso investimento potrebbe ora servire per un importante colpo di prospettiva

Qualcuno aveva sparato altissimo, ancora più alto di quanto avesse fatto l’Arsenal. Ora però i Gunners hanno espresso con chiarezza il prezzo richiesto per Balogun: chiedono 35 milioni, la stessa cifra che l’Inter era disposta a pagare al Chelsea per il colpo-Lukaku.

35 milioni come per Lukaku
Lukaku (LaPresse) – interlive.it

L’Inter non ha ancora deciso cosa fare, ma non c’è molto tempo da perdere. Ausilio vorrebbe affondare subito il colpo, e sembrerebbe disposto a versare i 35 milioni richiesti dagli inglesi, Marotta e Inzaghi sarebbero invece più indecisi: entrambi sarebbero più orientati a scegliere Alvaro Morata.

Lo spagnola costa meno, a livello di cartellino, ma ha un ingaggio alto e non è più un ragazzino. In prospettiva, sia tecnica che economica, Balogun appare dunque come un investimento molto più interessante. Zhang potrebbe pensarci anche in chiave plusvalenza

Con l’Arsenal si potrebbe trovare un’intesa simile a quella cui l’Inter stava lavorando per arrivare a prendere Romelu Lukaku dal Chelsea: 35 milioni cash, o 30 più 5 di bonus. Per prendere Balogun i nerazzurri potrebbero sfuttare anche il Decreto Crescita. Cosa che invece non possono fare nel caso di ingaggio di Morata (che è stato via dall’Italia solo un anno).

Affare alla Lukaku: 35 milioni per il colpo Balogun

Flo Balogun è nato a New York da genitori nigeriani ed è emigrato in Inghilterra quando aveva due anni. I suoi genitori sono nati in Nigeria. Per questo prima di legarsi alla Nazionale statunitense ha giocato nelle giovanili della Nazionale britannica. Si è legato all’Arsenal all’età di otto anni, ma pare che già da bambino fosse conteso da varie squadre, fra cui anche il Tottenham.

35+5 per Balogun?
Balogun (LaPresse) – interlive.it

Dal 2019 è entrato nel giro della prima squadra. Nel 2021 è stato prestato al Middlesbrough, dove ha giocato diciotto partite e segnato tre goal. Nella stagione 2022-2023 ha giocato invece in prestito nel Reims, in Ligue 1, dove ha fatto un mucchio di goal: 21 in 37 uscite ufficiali. In pratica è diventato il quarto capocannoniere del campionato.

Balogun è un giocatore che punta sul ritmo e la sua tecnica da trequartista prestata al ruolo di centravanti. Non sembra un partner ideale per Lautaro, ma potrebbe comunque essere utile a Inzaghi a dare imprevedibilità all’attacco e a saltare l’uomo. Si tratta di un rischio: il ragazzo ha soli ventidue anni e non conosce la Serie A. Morata, invece, è un giocatore maturo e abituato al campionato italiano.

Inzaghi e Marotta vorrebbero puntare su Morata proprio pensando che lo spagnolo possa essere più prezioso in senso tattico e per dare all’Inter stabilità. La terza opzione, al momento, risponde al nome di Beto, che ha caratteristiche simili a quelle di Lukaku e conosce già la Seria A. Poi ci sarebbe Taremi, su cui però il Milan sembra in vantaggio.

Morata: pericolo asta dopo il primo no all’Inter

Ieri, secondo le fonti più attendibili, Marotta avrebbe offerto 15 milioni per Morata, dopo aver incassato il sì dagli agenti del giocatore. I Colchoneros avrebbero però risposto che 15 sono pochi. Vogliono 21 milioni. Sullo spagnolo ci sono anche la Roma e la Juventus. Ma entrambi questi club non hanno intenzione di spendere più di 15.

Morata, l'Inter continua a trattare
Morata (LaPresse) – interlive.it

L’Atletico, invece, punta a far partire un asta. Quanto a Morata, pare che l’attaccante vorrebbe risolvere quanto prima la sua situazione. Sembra però complicato. La questione potrebbe anche risolversi a metà agosto. partenza settimana prossima per la tournèe asiatica in Corea. Di certo preferirebbe prendere un volo per l’Italia prima, ma i tempi difficilmente saranno brevi. Così come la destinazione ancora ignota

Intanto sembra che la Stellar Group, la società che cura la procura di Scamacca, abbia offerto l’attaccante del West Ham anche all’Inter. E Marotta non avrebbe chiuso, rispondendo però che l’ex Sassuolo sarebbe il quarto o il quinto in lista.

 

 

Impostazioni privacy