Incedibile, anzi quasi: 150 milioni per il sì dell’Inter

A meno che non arrivi un’offerta superiore ai 150 milioni, il campione dell’Inter non si tocca: i dirigenti alzano il muro

L’Inter ha deciso di blindare Lautaro Martinez. L’attaccante, promosso a capitano dopo l’addio di Handanovic e Brozovic, è pronto a vestire a venticinque anni i panni del leader tecnico e morale della squadra. Il Toro ha voglia di consacrazione. E nella seconda amichevole della stagione, contro la Pergolettese, ha messo dentro quattro goal in 45 minuti.

Marotta fissa il prezzo del campione
Marotta (LaPresse) – interlive.it

Oltre ai quattro goal, Lautaro ha voluto dimostrare anche in altro modo le sue intenzioni. Come? Con il rifiuti ai milioni offerti dall’Arabia: 240 milioni suddivisi in quattro stagioni, ale a dire 60 milioni l’anno. Lautaro non è ancora disposto ad ascoltare proposte del genere: vuole continuare a giocare in Serie A, per dimostrare di poter fare la differenza. Ora vuole la seconda stella con l’Inter e una nuova entusiasmante stagione in Champions League.

Fra Inter e Lautaro c’è intesa. L’Inter lo considera incedibile e l’attaccante argentino non vuole muoversi da Milano. Incedibile è un attributo relativo. Specie in questa precisa fase della storia societaria dell’Inter. Quindi il massimo che il club può fare è alzare il prezzo, lasciando intendere alle squadre interessate che non sarebbe possibile sedersi a contrattare per meno di 150 milioni.

Per l’Inter e gli interisti è stato comunque importante capire che Lautaro non è disposto a rinunciare ai propri obiettivi da vero campione. I milioni arabi non lo hanno sedotto. Quindi al Toro è bastato ascoltare la proposta saudita per respingerla senza battere figlio.

150 milioni: ecco il valore di Lautaro secondo l’Inter

Mai come ora, dopo l’addio burrascoso di Lukaku, il Toro si sente coinvolto al 100% nel progetto nerazzurro. Il rifiuto alla proposta saudita è stato interpretato come l’ennesimo atto d’amore da parte dell’attaccante argentino. In un momento in cui l’Inter ha estremo bisogno di espressioni di lealtà, dopo i tradimenti diretti o indiretti di Skriniar e Lukaku.

Per prendere Lautaro servono 150 milioni
Lautaro (LaPresse) – interlive.it

E chissà come Lautaro ha vissuto la vicenda dell’amico Big Rom. I quotidiani sportivi hanno parlato di un Toro deluso dal comportamento dell’amico. Ma il diretto interessato non si è espresso sulla questione. Lukaku lo ha fatto solo ieri, indirettamente, attraverso una stories su Instagram nella quale ha scritto: Quando con l’odio non funziona, iniziano a dire bugie“. 

Zhang potrebbe prendere in considerazione solo un’offerta monstre per dare inizio a una trattativa per Lautaro: il riferimento ai 150 milioni va inteso dunque come una corazza difensiva, per difendersi da attenzioni troppo invadenti e moleste.

La Gazzetta dello Sport ha confermato che le offerte dall’Arabia Saudita per Lautaro Martinez sono arrivate davvero, e ha fatto anche dei nomi. A muoversi sarebbe stata l’Al-Hilal. Sempre scondo la Gazzetta, subito dopo il no di Lautaro, l’Inter avrebbe fatto sapere di voler chiudere ogni discorso di possibili altre richiesta arabe fissando un parametro. E così sono venuti fuori i 150 milioni. Sotto quella cifra non si inizierebbe neppure a parlare.

I due quasi incedibili della squadra

Lautaro Martinez e Nicolò Barella sono i due quasi incedibili dell’Inter. Entrambi protagonisti di varie voci di mercato, sembrano concentratissimi sulla nuova stagione in nerazzurro e per nulla distratti dai tanti club che li corteggiano. Il Toro piace al Real Madrid, all’Arsenal, al Tottenham e in Arabia Saudita. Barella, invece, è seguito da mezza Premier League.

Barella e Lautaro, i due incedibili dell'Inter
Nicolò Barella (LaPresse) – interlive.it

In Inghilterra continuano a parlare del centrocampista sardo come sostituto più indicato di Bernardo Silva, e scrivono che il City potrebbe arrivare a proporre all’Inter 100-120 milioni di euro.

Le voci rimarranno tali, perchè non ci sono offerte, fondamentalmente. E perchè attaccante e centrocampista non trattano con nessun altro club per il momento. L’Inter, pur non avendo la minima intenzione di discutere delle loro cessioni, potrebbe invece essere presa per il collo, o per la gola, a seconda dei punti di vista.

Impostazioni privacy