Dal Triplete a baluardo felsineo, Arnautovic riconquista l’Inter

L’austriaco torna a Milano dopo tredici anni esatti dall’ultima volta. Accordo trovato tra tutte le parti sulla base di un’offerta da 8 milioni + 2 di bonus

Marko Arnautovic e l’Inter si sono, nuovamente, detti sì a vicenda. Il classe ’89 tornerà, infatti, ad Appiano dopo l’esperienza del Triplete vissuta nella stagione 2009-10.

Marko Arnautovic nella stagione 2009-10 con l’Inter (LaPresse) – interlive.it

Ad aver permesso all’austriaco di fare rientro in Italia, è stato dapprima il Bologna: società che l’ha ingaggiato nell’estate del 2021 dopo lo splendido Europeo disputato al fianco della propria Nazionale.

I felsinei sono riusciti nell’intento di assicurarselo, in passato, a fronte di una misera offerta da 3 milioni di euro ed ora, a distanza di due sole stagioni, hanno deciso di non opporsi difronte alla cessione del calciatore cedendolo, di conseguenza, all’Inter per 8 milioni di euro + 2 di bonus.

E’ tutto fatto, non a caso, assieme al club di ‘Viale della Liberazione’: tant’è che Arnautovic raggiungerà Milano tra oggi e domani per poter poi svolgere le visite mediche nella giornata di mercoledì.

Per il dopo Lukaku, l’Inter ha deciso di correre ai ripari ingaggiando lo stesso austriaco: centravanti che negli anni ha sì disputato annate buone e altre meno belle ma pur sempre dimostrando una sola ed unica cosa. Vale a dire che il vizio del gol, uno come lui, ce l’ha nel sangue.

Arnautovic torna all’Inter dopo tredici anni: l’excursus sulle passate annate

L’Inter ha accolto Marko Arnautovic, per la prima volta alla propria corte, quando ancora il ragazzo in questione aveva soli ventun anni sulle proprie spalle.

Il Bologna cede Arnautovic a 8 milioni +2 di bonus
Marko Arnautovic (LaPresse) – interlive.it

In tanti associano, infatti, il suo passato all’Inter: stessa e identica società che lo ha ingaggiato anni e anni fa collezionando, assieme al calciatore, importanti traguardi.

Pur da dietro le quinte, l’austriaco ha comunque messo in bacheca tre importanti titoli con la ‘Beneamata’ come quelli di Scudetto, Coppa Italia e Champions League, conquistando di fatto uno storico Triplete. Cosa non da poco.

Ok, Arnautovic in quell’esperienza ha messo a referto 1 sola rete in appena 4 presenze complessive ma, ciò nonostante, anche a distanza di anni, ha poi saputo come rimanere nel giro del calcio che conta.

Dopo la parentesi vissuta con l’Inter, infatti, il classe ’89 ha poi vestito le maglie di: Werder Brema, Stoke City e West Ham – con le quali ha totalizzato rispettivamente 16, 26 e 22 reti – fino ad arrivare poi agli altri due trascorsi con Shanghai SIPG e Bologna. Quest’ultimo alquanto affascinante.

Proprio in Emilia-Romagna, il centravanti alto 1,90 m, ha accumulato in sole due stagioni 58 gettoni complessivi, 25 reti e 2 assist: numeri da tutt’altro che poco conto. Da non dimenticare, inoltre, che in quest’ultima regular-season ha, però, pur sempre fatto fronte a qualche infortunio di troppo. Cosa, generalmente, non da lui.

Arnautovic è, infatti, uno che negli anni ci ha abituato a disputare un certo numero di partite e garantendo, al tempo stesso, un buonissimo numero di gol.

Ora, a differenza di quanto accaduto in precedenza, farà sì ritorno a Milano con maggiore consapevolezza nei propri mezzi, ma anche con tredici candeline in più avendo, per l’appunto, trentaquattro anni sulle spalle.

Certo, quello dell’austriaco, è un profilo in grado di poter dire la propria ancora per qualche altro anno di tempo anche se, c’è da dirlo, è comunque un investimento rischioso per i nerazzurri visto e considerato che Beppe Marotta e i suoi hanno appena deciso di spendere 10 milioni di euro complessivi per un calciatore, ormai, ultratrentenne.

Impostazioni privacy