L’Inter gli ridice addio in prestito: ha già firmato

L’Inter lo lascia di nuovo partire in prestito: il giovane attaccante ridice addio (o arrivederci) ad Appiano per spostarsi in Liguria

Alla fine non resterà a Milano come quinto attaccante così come alcuni tifosi si erano augurati dopo il suo goal in amichevole al PSG. Sebastiano Esposito è pronto all’ennesima esperienza in prestito, sperando forse che stavolta qualcosa possa andare in modo diverso.

Inzaghi saluta un attaccante
Simone Inzaghi (LaPresse) – interlive.it

L’attaccante classe 2002, prestato negli anni scorsi dall’Inter in Serie B, in Svizzera e in Belgia, affronterà una nuova sfida nella serie cadetta, chiamato a a fare il definitivo salto di qualità per la sua carriera. Ad accoglierlo c’è Andrea Pirlo, neo allenatore della Sampdoria.

Il club blucerchiaro era infatti alla ricerca di un attaccante tecnico e di presenza fisica (e giovane, proprio come piace a Pirlo) per puntare subito alla Serie A. Esposito aveva altre offerte, anche dalla A, e sembrava vicino al Verona. Alla fine ha preferito tornare in B, magari nella speranza di poter avere più continuità.

Il ragazzo oggi è a Genova per svolgere i test medici e firmare il contratto con i blucerchiati. E così Espostito, il secondo della famiglia di talentuosi calciatori di Castellammare cresciuti in nerazzurro, ridice addio all’Inter, con la promessa di tornare più forte, o non tornare più.

Esposito ridice addio all’Inter: si trasferisce alla Sampdoria

Il ragazzo vestirà dunque i panni del bomber atteso da Andrea Pirlo. Tutti sperano che l’affare possa dare un contributo per l’immediato salto in Serie A dei blucerchiati. Anche il contratta contempla questo tipo di possibilità: Esposito firmerà con la Sampdoria con la formula del prestito con obbligo condizionato di riscatto in base ad alcune condizioni.

Esposito firma con la Samptdoria
Sebastiano Esposito con la fidanzata di lungo corso Sofiya Mishchenko (Instagram) – interlive.it

Una di queste condizioni dovrebbe essere la promozione in Serie A. Un incentivo galvanizza il campano e che mette l’Inter nelle condizioni di perdere il gioiellino finora inespresso delle sue giovanili. Nel caso di obbligo, all’Inter andrebbero 7 od 8 milioni. Non è chiaro se i nerazzurri abbiano inserito una formula per la recompra.

Quindi, il club ligure, dopo aver accolto Filip Stankovic, apre le porte del suo spogliatoio anche all’attaccante classe 2002 reduce dall’avventura al Bari. Dopo gli anni in prestito alla Spal, al Venezia, al Basilea, all’Anderlecht e in Puglia, Sebastiano dovrà dimostrare maturità tattica e soprattutto comportamentale.

Nella decisione di Esposito avrà influito anche qualche sprone sentimentale. La sua fidanzata, la modella ucraina Sofiya Mishchenko, vive da qualche anno a Genova. E a qualche chilometro dal Marassi, a La Spezia per la precisione, ci sono anche i suoi fratelli: Salvatore e Francesco Pio, appena arrivato in squadra dall’Inter.

Sono pronto, forza Samp“, ha detto il ragazzo nel giorno del suo arrivo a Genova per le visite mediche. E nel contempo l’attaccante di Castellammare ridice addio alla sua Inter, squadra con cui ha totalizzato solamente 7 presenze condite da una rete (su rigore). In questi quattro anni, Sebastiano non ha mantenuto le promesse. Ora è giunto al varco. Dovrà mostrare finalmente tutto il suo valore. L’Inter ci crede ancora.

A proposito di attaccanti giovani, Balogun, il campioncino cercato molti giorni ad agosto dai nerazzurri, potrebbe finire a sorpresa al Chelsea. Dopo aver speso quasi 400 milioni sul mercato, i Blues sono pronti a dar battaglia al Monaco per strappare l’americano all’Arsenal.

Impostazioni privacy