Inter > Inter News > Supercoppa Italiana, Gasperini convinto: “Siamo qui per vincere. E su Sneijder…”

Supercoppa Italiana, Gasperini convinto: “Siamo qui per vincere. E su Sneijder…”

Gian Piero Gasperini - Getty Images

SUPERCOPPA ITALIANA INTER GASPERINI / PECHINO (CINA) – “Siamo qui per vincere” sembrerebbe una frase quasi scontata, detta davanti ai giornalisti cinesi, giusto per riempire i titoli dei giornali locali e mondiali, ma Gian Piero Gasperini sa davvero quanto importante sia questo derby. In gioco non solo la Supercoppa, ma anche il prestigio del calcio italiano, nonché quello della città di Milano. Il primo vero esame per il neo tecnico nerazzurro è quasi alle porte, e come il primo giorno di lavoro, nessuno vuole fare brutta figura. L’ex Genoa si presenta serena alla conferenza stampa, riportata dal sito ‘Inter.it’, parlando della Supercoppa, del richiamo di Zanetti e, pur se non con tanta voglia, del caso Sneijder.

LA SUPERCOPPA E LE CONDIZIONI CLIMATICHE – Comincia col parlare dell’importante impegno il tecnico: “Non ho la sfera di cristallo ma noi siamo qui per vincere e perché l’Inter porti  a casa quella coppa che due anni fa, qui Cina contro la Lazio, non riuscì a conquistare. Poi giocare contro il Milan è ancor più motivo di prestigio. Sarà uno spot promozionale per il nostro calcio“. Al tecnico di Grugliasco viene chiesto anche un commento sulle condizioni del clima: “Nel calcio si gioco col freddo, col caldo, con l’umidità. Siamo arrivati prima qui proprio per adattarci al clima – afferma sorridendo -ma sarà lo stesso per tutte e due le squadre”.

SU ZANETTI E SNEIJDER – Secca la risposta di Gasperini quando gli vengono chieste informazioni sulle condizioni del capitano: “Ha giocato fino a 15 giorni fa, per lui non ci saranno problemi”. L’ultima battuta non poteva che essere sul ‘problema Sneijder’, definito così dai cinesi: “Gioca con noi, si è allenato con noi e giocherà sabato. Sneijder non è un problema”. Adesso che tutto sembra più chiaro, ai giornalisti cinesi, non resta che attendere il tanto atteso ‘Spot per il calcio italiano’.

Luigi Perruccio