Inter > Inter News > Inter, Milito: “Zanetti un esempio, Messi il migliore di sempre. Su Mourinho e Ranieri…”

Inter, Milito: “Zanetti un esempio, Messi il migliore di sempre. Su Mourinho e Ranieri…”

Diego Milito - Getty Images

INTER DIEGO MILITO/ BUENOS AIRES (Argentina) – L’attaccante dell’Inter Diego Milito ha analizzato ai microfoni di ‘Espn-Radio Rivadavia’ la brutta sconfitta dell’Olimpico: “La Roma è una grande squadra, ha giocatori importanti in rosa. Sicuramente è stata una sconfitta pesante per noi”. Nei giallorossi hanno giocato un grande match due connazionali del ‘Principe‘: “Heinze l’ho visto molto felice, ha giocato davvero bene. Lamela invece mi ha veramente sorpreso, è giovane ma allo stesso tempo riesce a fare grandi giocate in una piazza difficile e piena di pressioni esterne”. La distanza dalla vetta in campionato è ormai notevole: “Con le sette vittorie consecutive ci siamo in parte rilanciati. Abbiamo tutto un girone di ritorno per colmare il distacco”.

MOURINHO E RANIERI – “Il portoghese è stato fra i migliori allenatori che abbia avuto. Trionfa in ogni squadra, ha davvero la mentalità giusta per vincere. Adesso siamo in un periodo alquanto negativo ma credo sia fisiologico dopo i tanti successi ottenuti. Ranieri ha trovato sicuramente molte difficoltà, l’ambiente non era più compatto come un tempo. Sicuramente ha un compito assai difficile ma la squadra ha voglia di tornare a far bene”.

ZANETTI E MESSI – “Il capitano è un esempio per tutti. Noi argentini e anche tutti i suoi compagni siamo davvero orgogliosi di lui. Ha fatto e farà ancora la storia dell’Inter. Messi è a mio parere il miglior giocatore di tutti i tempi. Sarebbe limitato dire che è solo un grande campione, lui è straordinario anche fuori dal campo, è una grande persona“.

NAZIONALE – “Giocare per il mio paese è sempre un obiettivo importante, è il sogno per qualsiasi giocatore. Ho parlato con il ct Sabella il quale mi ha assicurato di voler puntare su di me anche in futuro e che tutto dipenderà esclusivamente dalle mie prestazioni“.

 

Raffaele Amato