Inter > Inter News > Inter, Zanetti: “Giusto puntare sui giovani. Quando smetterò di giocare…”

Inter, Zanetti: “Giusto puntare sui giovani. Quando smetterò di giocare…”

Javier Zanetti - Getty Images

INTER, PARLA JAVIER ZANETTI FUTURO / MILANO – Quando si parla o si pensa a Javier Zanetti è quasi impossibile dimenticarsi tutti i suoi anni trascorsi con la maglia nerazzurra. Il capitano è merce rara nel calcio di oggi, unico nel suo genere, invecchiando è migliorato, come un vino di gran classe. Zanetti è l’emblema del sacrificio e della passione, dell’amore verso questo sport, idolatrato e bistrattato allo stesso tempo. Lui è l’Inter, lo è stato e lo sarà per sempre: “Nella mia carriera ho sempre cercato di essere leale, con me stesso e con i miei avversari – ha confidato il leader dell’Inter a ‘Sportal.it’ – Ho cercato sempre di rendermi utile, andrò sempre dritto per la mia strada, dando sempre il mio contributo“. 39 anni, un fisico ancora dirompente, e una carica che travolge, in particolare i ragazzi più giovani, i compagni più giovani. Da loro, la società nerazzurra sembra voler ripartire, per una squadra di nuovo vincente: “Condivido il progetto del club – ha risposto Zanetti – E’ giusto dare spazio ai giocatori più giovani. Io mi metterò a completa disposizione, metterò in gioco la mia esperienza“. Ritirarsi non è ancora il suo obiettivo, anche se – e lo diciamo quasi sottovoce per evitare che lui ci ascolti – quel giorno prima o poi arriverà: “Giocherò fino a quando potrò, fino a quando sarò utile alla società. Dopo, cercherò comunque di ‘servire’ l’Inter, magari in un altro ruolo. Per il club non voglio diventare un problema, questo mai – ha aggiunto – Quando mi ritirerò, lo farò con la maglia nerazzurra. Non mi ci vedo con un’altra maglia“.

Maldini, Del Piero, ormai le bandiere nel calcio non ci sono più, o quasi: “Purtroppo è vero. Siamo rimasti solo io e Totti“. Arriveranno altre vittorie, forse, chissà. Per Zanetti basta voltarsi indietro, per ricordare i tanti traguardi raggiunti, molti dei quali di grandissimo prestigio: “Spesso ripenso alla vittoria della Champions nel 2010. E’ stata un’impresa, istanti incredibili, emozionanti”. In molti si domandano come faccia a stare sempre in forma, con il sorriso stampato sul volto: “Non c’è nessun segreto – sottolinea – Io cerco di godermi ogni attimo della mia vita, mia moglie e i miei figli”.

 

Raffaele Amato