Inter > calciomercato Inter > Mercato Inter, Stramaccioni: “Rido di Mazzarri. Tra Guarin e Paulinho…”

Mercato Inter, Stramaccioni: “Rido di Mazzarri. Tra Guarin e Paulinho…”

Andrea Stramaccioni (Getty Images)

MERCATO INTER STRAMACCIONI MAZZARRI GUARIN PAULINHO / MILANO – Nel corso della conferenza stampa pre Inter-Udinese, il tecnico nerazzurro Andrea Stramaccioni ha risposto a diverse domande di mercato, a partire dai rumors sull’accordo con Mazzarri: “Sorrido… Io e il presidente rispondiamo da tempo con chiarezza sull’argomento. Non voglio essere io a rovinare questo divertente teatrino: Mazzarri e Allegri non parlano, perché dovrei farlo io? Per l’Inter parla il presidente, di sicuro domani in panchina ci sarò io. Potrei mettere un record nella stagione dei record se fossi confermato e poi esonerato nel giro di 4 giorni. Se e quando verrò esonerato dirò grazie al mio presidente e l’unico rammarico sarebbe solo di non aver ripagato Moratti e i tifosi”.

Ci servono esterni offensivi, ma non difensivi. In Italia ce ne sono pochi e infatti molte squadre hanno optato per il 3-5-2 e tranne Catania e Milan con l’arrivo di Balotelli nessuno ha giocato con gli esterni offensivi. Le quattro semifinaliste di Champions League hanno otto ali di valore incredibili che trascinano le loro squadre”. Stramaccioni prosegue parlando di Paulinho e dell’eventuale cessione di Guarin per arrivare al mediano del Corinthians: “Spero che l’Inter tenga i migliori giocatori: Fredy è un giocatore importante lo stimo e mi auguro che rimanga qui. Paulinho è un calciatore interessante che può giocare a centrocampo con diversi moduli: è giovane ed un nazionale brasiliano e può coesistere con Fredy e Kovacic. Markovic? E’ un profilo molto interessante, abbiamo dato un contributo a scoprirlo in Europa League: è un classe 94 emergente, fa gola a tanti club, ma non facciamo promesse”

Infine il tecnico romano fa il punto sul prossimo mercato: “Questa estate sarà diversa dalla scorsa: cambieranno 4-5 panchine di primo livello in Europa. L’Inter ha già una base da cui partire con operazioni già concluse: va aggiunto qualcosa di importante ma non servono tanti innesti per i nostri obiettivi. Florenzi? E’ un giocatore a cui sono legato dai tempi della Roma: da romanista credo che stia bene lì e gli auguro di essere il nuovo Totti“.

M.R.