Inter > calciomercato Inter > Mercato Inter, due ‘spine’ nel fianco di Walter Mazzarri

Mercato Inter, due ‘spine’ nel fianco di Walter Mazzarri

Gargano, Cassano e Javier Zanetti (Getty Images)

INTER GARGANO CASSANO MAZZARRI / MILANO – L’avventura, complicata ma piena di elettrizzanti stimoli, di Walter Mazzarri sulla panchina dell’Inter non è ancora ufficialmente cominciata, seppur il tecnico toscano sia già a lavoro per programmare il futuro in nerazzurro, che già sono emersi a galla due ‘casi’ spinosi che potrebbero fargli passare notti agitate.

L’ex Napoli, una volta che Moratti comunicherà ai tifosi e alla stampa il suo approdo alla Pinetina, si troverà di fronte due giocatori avuti e allenati negli anni passati, e con cui non si è lasciato certamente con bigliettini d’amore o con mazzi di rose rosse. Parliamo di Walter Gargano e Antonio Cassano. Il centrocampista uruguagio, alle sue dipendenze fino alla stagione 2011-2012, è stato allontanato da Napoli proprio dal futuro mister interista, che ai suoi modi rudi, preferì le buone, non eccellenti, geometrie di Inler. L’Arnold milanese d’adozione non è un giocatore dell’Inter (è in prestito, ndr), dato che la stessa società nerazzurra, per riscattare il suo cartellino, dovrà versare prossimamente circa 5 milioni di euro nelle casse del Napoli. L’avvento del ‘permaloso’ Mazzarri potrebbe far saltare il banco, e le certezze di Gargano, sicuro fino a qualche tempo fa di poter piantare le sue radici in quel di Appiano Gentile.

Destinato all’addio, più dell’uruguagio, è ‘FantAntonio’ di Bari. L’attaccante, sicuro partente anche in caso di conferma di Andrea Stramaccioni (causa lite furiosa, ndr), nel periodo blucerchiato venne in un certo senso ‘recuperato‘ dal tecnico di San Vincenzo, ma al contempo gli scontri con il tecnico, duri e volgari come al solito, non mancarono certamente, tanto che qualche anno più tardi lo stesso Mazzarri disse no a De Laurentiis quando gli venne proposto l’acquisto del ‘genio’ ribelle. Cassano lascerà l’Inter, probabile la risoluzione consensuale del suo contratto – in scadenza nel 2014 – con annessa buonuscita.

 

Raffaele Amato