Inter > Inter News > Inter, Cambiasso: “La mano di Mazzarri si vede. Su Eto’o, Thohir, Stramaccioni…”

Inter, Cambiasso: “La mano di Mazzarri si vede. Su Eto’o, Thohir, Stramaccioni…”

Esteban Cambiasso (Getty Images)

INTER, CAMBIASSO MAZZARRI ETO’O THOHIR MORATTI / MILANO – Esteban Cambiasso si confessa. In una lunga intervista rilasciata a ‘Sky Sport’ il capitano ad interim dell’Inter ha toccato tutti gli argomenti attuali che riguardano i nerazzurri a cominciare dalla tournée negli Usa: “Ci ha lasciato delle crescite di squadra al di là dei risultati, anche se essendo nel calcio è la prima cosa di cui si parla. Noi sappiamo che non possiamo soffermarci su quello, ma guardare il gioco di squadra. Se i risultati che abbiamo raccolto rischiano di deprimerci? Questa è l’Inter, non c’è tempo per deprimerci nè quando si vince ripensando alle vittorie nè quando si perde ripensando alle sconfitte. La voglia di vincere è sempre un obbligo quando indossi questa maglia e questo non cambia da un anno con l’altro”.

MAZZARRI – Il Cuchu elogia il nuovo tecnico: “La mano di Mazzarri su questa squadra si è già vista. Forse non tutti sono riusciti a vederla subito, ma mi auguro che possano vederla presto tutti. Con Stramaccioni si lavorava poco e male? Il modo di lavorare è cambiato come può cambiare da un allenatore a un altro. Non bisogna mai parlare male di un allenatore che non c’è più. Nuovo ruolo con Mazzarri? I ruoli sono dettati dal lavoro di squadra, il dispendio è maggiore se la squadra è disorganizzata altrimenti il dispendio è uguale per tutti. Importante è capire che cosa vuole il mister“.

ETO’O E THOHIR – In chiave mercato si parla di un possibile ritorno di Eto’o all’Inter: “Questo è il calcio: è successo di tutto e di più e poi all’Italia diverte più il calciomercato che le partite – prosegue Cambiasso prima di parlare del possibile cambio ai vertici della società – Per adesso è un presunto passaggio, fino a che non si sono le firme non si può dare nulla di certo. Non conosco Thohir, ma conoscendo bene il presidente Moratti so che la scelta che lui farà sarà la migliore prima per l’Inter e poi per lui”. Infine una battuta sulla stagione che sta per iniziare e sul suo futuro: “Non firmo oggi per il terzo posto. Rinnovo di contratto? Non ancora, ma ho già detto che non ci saranno problemi in tal senso”.

M.R.