Inter > Inter News > Inter-Milan 1-0, le pagelle: eurogol di Palacio, Guarin colleziona assist

Inter-Milan 1-0, le pagelle: eurogol di Palacio, Guarin colleziona assist

Rodrigo Palacio (Getty Images)

Rodrigo Palacio (Getty Images)


INTER MILAN PAGELLE
/ MILANO – L’Inter regala una vittoria preziosa ad Erick Thohir per il suo primo ‘Derby della Madonnina’. Dopo un avvio sostanzialmente equilibrato, i nerazzurri si ritraggono a protezione dell’area di rigore lasciando avanzare gli avversari. Nel finale del primo tempo, dopo un accenno di reazione nerazzurra, Mazzoleni decide di diventare protagonista rendendosi autore di alcune scelte sconcertanti. Nell’ultima fase della gara l’Inter si spinge avanti con continuità alla ricerca del vantaggio e lo trova all’86’ con un grandissimo gol di Palacio.

INTER

Handanovic 6 Partita dai due volti: nel primo tempo rischia di regalare il vantaggio a Poli, dopodichè si ripete in un’altra occasione causando qualche brivido ai suoi compagni. Nel secondo tempo è determinante in due occasioni.
Campagnaro 6,5 Nel primo tempo è il più sicuro del reparto. Anticipa spesso gli avversari e si propone spesso in avanti supportando la manovra offensiva.
Rolando 6,5 Autore di una prestazione tutto sommato positiva, aiutato dai ritmi non elevatissimi. Anche lui ammonito nel secondo tempo, è costretto a limitare le forze per non rischiare.
Juan Jesus 6 Prestazione piuttosto altalenante. Non combina errori gravi e riesce quasi sempre a neutralizzare le offensive avversarie, anche se in modo piuttosto scoordinato.
Jonathan 6,5 Cerca di aiutare la squadra percorrendo la fascia, ma alterna buone giocate a errori facilmente evitabili. Nel secondo tempo appare in crescita e si rende molto utile creando qualche difficoltà in ripartenza.
Zanetti 6,5 Al suo 47esimo  derby, la sua prestazione – fortemente condizionata da quella opaca della squadra – non è delle migliori. Spesso prova a far uscire la squadra con le sue sortite, ma Palacio è troppo solo là davanti.
> dal 68′ Kuzmanovic 5,5 Il suo ingresso in campo al posto di Zanetti desta qualche perplessità ma nel complesso non crea problemi alla squadra, che nel finale trova il gol della vittoria.
Cambiasso 6 Riesce a limitare bene le offensive dei rossoneri, sfiorando il gol di testa allo scadere del primo tempo.
> dall’82’ Icardi sv
Taider 5 Sembra soffrire l’emozione del suo primo derby in nerazzurro. Piuttosto impreciso nei passaggi, corre spesso a vuoto o viene saltato dagli avversari.
> dal 57′ Kovacic 6,5 Chiamato a dare qualità al centrocampo, nei primi minuti crea qualche grattacapo a De Jong causandone l’ammonizione. Importante anche nelle ultime fasi, sebbene perda qualche pallone in modo ingenuo.
Nagatomo 6,5 Nel primo tempo l’Inter resta molto bassa a protezione dell’area difensiva, limitando le sue azioni offensive a scorribande sporadiche. Impegna Abbiati in alcune circostanze, poi prova ad ispirare i suoi compagni creando qualche apprensione ai rossoneri. Dopo l’uscita di Cambiasso diventa capitano e guida i suoi alla vittoria.
Guarin 6,5 Parte in modo irruento e impreciso rischiando il giallo in alcune occasioni. Nei momenti di maggiore difficoltà dei nerazzurri ci mette grande grinta, poi viene ammonito e sembra eclissarsi. All’87’, però, si rende fondamentale ispirando l’eurogol di Palacio.
Palacio 7 I giocatori del Milan lo costringono spesso a correre a vuoto, sfruttando la sua solitudine. Prova a far salire la squadra muovendosi come può tra le maglie difensive rossonere, e nel finale della prima frazione subisce un fallo da rigore da parte di Zapata: ancora una volta non gli viene concesso il penalty. Nel ‘replay’ dell’azione all’80’, l’argentino non riesce a battere Abbiati ma si riscatta poco dopo, con un tocco di tacco che beffa Abbiati e il difensore.

Mazzarri 6,5 L’Inter inizialmente parte bene, poi perde inspiegabilmente il coraggio e subisce eccessivamente la pressione del Milan. Buona gestione dei cambi: si prende la responsabilità di inserire Kuzmanovic al posto dell’idolo Zanetti e non perde del tutto la scommessa, poi inserisce Icardi rinunciando ad un centrocampista anche se forse è una mossa che arriva troppo tardi.

MILAN

Abbiati 6 Non viene mai chiamato in causa nella prima frazione. Incolpevole sul gol-vittoria di Palacio.
De Sciglio 6 Ammonito per aver steso Guarin, perde un po’ di sicurezza anche se spesso limita Nagatomo.
Bonera 6 E’ il più sicuro del reparto, nel finale della prima frazione viene colpito duro da Guarin.
Zapata 5,5 Stende Palacio in area: sarebbe rigore ed espulsione, ma Mazzoleni da quest’orecchio non ci sente.
Constant 5,5 Gara piuttosto scialba, contraddistinta solo da qualche avanzata sulla sua fascia di competenza.
> dal 46′ Emanuelson 5,5 Si fa vedere pochissimo e mai con giocate importanti per i compagni.
Poli 5 Fallisce clamorosamente l’occasione del possibile vantaggio. Partita piuttosto nervosa.
De Jong 6 I nerazzurri gli lasciano lo spazio che gli serve per far correre i suoi compagni.
Muntari 4 Dovrebbe essere espulso alla fine del primo tempo, ma il rosso diretto è solo rimandato. 
Kakà 6 Prova ad ispirare la manovra offensiva ma predica nel deserto.
Saponara 5,5 Autore di un tunnel su Campagnaro in avvio, poi sparisce dal campo limitandosi a qualche comparsata.
> dal 76′ Matri sv
Balotelli 5,5 E’ praticamente l’unico del Milan a rendersi pericoloso. Dopo il fischio finale non riesce a domare il nervosismo.

Allegri 5 Il Milan gioca meglio dell’Inter nella prima frazione, ma non trova mai lo spunto vincente e nella fase finale del match si arrende alla foga dei nerazzurri, desiderosi di ottenere il vantaggio decisivo.

Arbitro Mazzoleni e assistenti 4 Dopo un avvio appena sufficiente, perde la bussola: prima non concede un rigore netto all’Inter per fallo di Zapata su Palacio (occasione che avrebbe potuto comportare anche l’espulsione del difensore rossonero), poi si lascia sfuggire una gomitata di Guarin ai danni di Bonera, dopodichè non sanziona neppure il fallo per un’entrata al limite del regolamento di Muntari su Jonathan. E’ praticamente costretto ad espellere Muntari nel finale.

Alessandro Caltabiano