DIBATTITO INTER – Scudetto: sogno o realtà?

0
57

Massimo Moratti - Getty Images

DIBATTITO INTER, CAPITAN ZANETTI / MILANO – Nuovo appuntamento con Dibattito Inter, lo spazio che Interlive.it ha dedicato a Voi tifosi nerazzurri per raccogliere le vostre opinioni sulla nostra squadra del cuore. Grazie a tutti per averci mandato le vostre mail all’indirizzo [email protected], abbiamo scelto le migliori.

“Scudetto: sogno o realtà?”

Marco Colombo: “Obiettivamente è difficile inserire l’Inter tra le pretendenti per lo Scudetto. Ad oggi firmerei per il terzo posto che ci permetta di tornare in Champions League. Ma il tifoso ragiona col cuore e non con il cervello, quindi io un po’ ci spero: d’altronde lo scorso anno la Juve non era di certo favorita e alla fine… Il sogno può diventare realtà!”

Aldo da New York: “Con gli acquisti che ha fatto il signor Branca siamo da mezza classifica. Possiamo puntare allo Scudetto solo se restano Pazzini, Maicon e Ranocchia, ma mi pare che i nostri giocatori migliori siano stati messi fuori rosa e regalati alle altre squadre, visto la politica dell’Inter di dare via gli italiani per prendere gli argentini…”.

Luigi Esposito: “Secondo me l’Inter quest’anno può puntare allo Scudetto. Magari snobbando un po’ l’Europa League in cui, almeno nella fase iniziale, Stramaccioni dovrebbe far giocare le riserve. Non vedo grandi avversari: il Milan si è molto indebolito, la Lazio anche, Roma e Napoli possono essere le sorprese per il secondo-terzo posto. La vera avversaria sarà la Juventus: ma loro avranno la Champions League che potrebbe portargli via forze importanti. Strappiamogli lo Scudetto dal petto!”

Andrea Ferrari: “Siamo seri: questo non è l’anno dell’Inter. Ma io resto fiducioso. Il progetto di Moratti e Stramaccioni mi piace e sono certo che, dopo la chiusura di un ciclo vincente, presto ne apriremo un altro. Il paragone con il Barcellona è esagerato, ma abbiamo intrapreso la strada giusta: il nostro settore giovanile è il migliore in Italia e tra qualche anno non si sarà bisogno di andare a comprare il Lucas di turno in Brasile, lo avremo già in casa”.