Home Pagelle - I voti degli esperti Inter-Dnipro 2-1, le pagelle: prove da leader per Osvaldo, per Handanovic numeri...

Inter-Dnipro 2-1, le pagelle: prove da leader per Osvaldo, per Handanovic numeri assurdi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:30
Handanovic para il rigore a Konoplyanka (Inter.it)
Handanovic para il rigore a Konoplyanka (Inter.it)

INTER-DNIPRO PAGELLE / SAN SIRO – In maniera piuttosto inaspettata, per come si erano messe le cose, l’Inter sconfigge il Dnipro per 2-1 e guadagna la qualificazione ai sedicesimi di Europa League. I nerazzurri subiscono lo 0-1 e Handanovic para il rigore che avrebbe compromesso definitivamente il match, poi Kuzmanovic trova il gol del pareggio. La squadra di Mancini sembra poter completare la rimonta ma, pochi minuti prima del gol di Osvaldo, deve ritrovarsi a fare i conti con l’espulsione di Ranocchia.

INTER 

Handanovic 7 Sembra impresentabile in avvio, con il brutto errore sul gol di Rotan, invece in breve afferra la squadra per la collottola e le permette di tenere la testa fuori dall’acqua. La rimonta infatti passa anche dai suoi guantoni, con un altro rigore parato (il quarto su quattro in stagione ed il sesto consecutivo, numeri pazzeschi!). Miracolo anche sullo svarione di Campagnaro al 52′.
Nagatomo 5,5 Non una partita fortunatissima per il giapponese, che soffre costantemente dal punto di vista tattico (sua la responsabilità della prima ammonizione di Ranocchia) e poi anche da quello fisico, con l’infortunio alla spalla che lo costringe ad uscire prima dell’intervallo.
> dal 37′ Campagnaro 5,5 In qualche modo neutralizza le scorribande di Konoplyanka sulla destra, anche se – come quasi tutti i suoi compagni di reparto – commette un grave svarione che viene sventato dal duo Handanovic-Jesus.
Ranocchia 4,5 Pessima partita, va sempre in confusione sotto il gioco limpido degli ucraini e si fa ammonire nel tentativo di fermare una progressione di Konoplyanka. Il capitano nerazzurro non riduce l’irruenza nelle giocate, il secondo giallo sembra inevitabile e difatti arriva puntualmente in avvio di ripresa, condannando apparentemente la squadra nerazzurra.
Juan Jesus 6 Perde malamente la palla in occasione dello 0-1 ucraino, si fa perdonare salvando il gol del 2-2 sulla linea. Viene fuori alla distanza, soprattutto dopo l’espulsione di Ranocchia.
Dodò 6,5 Prestazione positiva da parte del brasiliano, che ha meriti importanti nel contropiede del 2-1. Anche dal punto di vista difensivo mostra notevoli miglioramenti, con una grande diagonale difensiva con cui neutralizza un lancio per Kalinic. Anche oggi gli avversari non gli risparmiano colpi al viso e al corpo, forse dovrebbe seguire un corso di autodifesa.
Guarin 6 Altri segnali importanti dal colombiano, che dall’avvento di Mancini sembra destinato a tornare ai livelli raggiunti durante la gestione Stramaccioni. Fisicamente è devastante e in fase offensiva si propone nei tempi giusti anche se non sempre con precisione. Per lui anche un’occasione da gol, un colpo di testa uscito sopra la traversa.
Medel 6 Nel primo tempo soffre non poco le rapide incursioni degli ucraini, poi sale in cattedra nella ripresa.
Kuzmanovic 6,5 Tra i suoi il primo a tirare in porta e poco dopo trova anche l’1-1 con un piattone chirurgico durante una mischia in area. Nella ripresa cala progressivamente e si accontenta di dare manforte alla difesa con fisico e centimetri utili a reggere l’assalto finale del Dnipro.
Hernanes 6 Prestazione non eccelsa del brasiliano, che ha però il grande merito di aver servito un assist intelligente ad Osvaldo per il gol che blinda vittoria e qualificazione.
> dal 61′ Obi 6 Entra per aiutare la squadra in contropiede con la sua velocità, e nel complesso dimostra di essere in forma.
Icardi 5,5 Un ectoplasma, brutta copia del migliore Icardi. Gioca fuori posizione e non sembra essersi adattato al meglio: i suoi tentativi di cross sono davvero poco convincenti, così come lo sono le sue disperate progressioni all’indietro alla ricerca di palloni giocabili. Esce ad inizio ripresa per lasciare il posto ad Andreolli, ma nessuno se ne accorge.
> dal 55′ Andreolli 6 Ingresso positivo quello dell’ex Chievo, e non è cosa da poco visti gli svarioni terribili commessi da ognuno dei suoi compagni di reparto.
Osvaldo 7 Il ‘Johnny Depp’ nerazzurro torna in campo dal 1′ e si riprende l’Inter. Tanta sostanza prima e dopo il gol decisivo per la qualificazione, ma l’ex Roma non è solo questo e si rende protagonista anche quando c’è da far salire la squadra. Ammirevole anche la fortissima voglia di difendere il vantaggio. Leader.

Nuciari 6 Paradossalmente la squadra gioca meglio dopo l’espulsione di Ranocchia. La difesa è da registrare e si vede, ma nel secondo tempo tiene bene e gestisce benissimo il fuorigioco neutralizzando quasi tutte le occasioni da gol degli ucraini. Il vantaggio sopraggiunto subito dopo il rosso al capitano, poi, è anche sintomo di una grande mentalità. La speranza è che questa prova possa far crescere la squadra.

DNIPRO 

Boyko 6 Non può far molto sui due gol segnati dai nerazzurri.
Fedetskiy 6 Avanza sulla fascia destra mettendo spesso in difficoltà Dodò.
> dal 70′ Matheus 5,5 Prova ad impensierire l’Inter agendo come esterno offensivo a destra.
Douglas 6,5 Prestazione più che sufficiente, non ha colpe sui gol subiti.
Mazuch 6 Meno bene rispetto al suo compagno di reparto.
> dall’82’ Seleznyov sv
Vlad 5,5 E’ il giocatore ucraino più in difficoltà ma i nerazzurri non ne approfittano.
Cheberyachko 6,5 Prestazione di qualità a centrocampo.
Kravchenko 6 Buoni spunti in mediana, soprattutto nella prima metà di gara.
> dal 72′ Bruno Gama 5,5 Partecipa all’assalto nel finale lavorando a ridosso dell’area avversaria.
Luchkevych 6 Prestazione senza infamia e senza lode, meglio nel primo tempo.
Rotan 7 Segna il gol del vantaggio ucraino e sfiora la doppietta con una grande punizione.
Konoplyanka 6,5 Protagonista nell’azione dello 0-1, lo è anche in negativo sbagliando il rigore del possibile 0-2.
Kalinic 6 Ranocchia e Jesus sono in difficoltà, lui non ne approfitta.

Markevich 6,5 La sua squadra si presenta a ‘San Siro’ senza alcun tipo di timore reverenziale e mette sotto i nerazzurri per gran parte del primo tempo. Alla fine il Dnipro esce sconfitto, battuto dal carattere dei nerazzurri rimasti in dieci, ma esce comunque dallo stadio (e forse dall’Europa) a testa alta.

Arbitro Madden e assistenti Ci può stare il rigore concesso al Dnipro, anche se l’azione in questione nasce da un fuorigioco inesistente fischiato a Kuzmanovic. Corretta la decisione di espellere Ranocchia, così come quella di ammonire Guarin ed Hernanes, anche se per parte sua l’arbitro scozzese sembra colpito da una grave sindrome che gli impedisce di ammonire i giocatori del Dnipro. Il caso più lampante è forse quello di Konoplyanka che stende Obi nel finale. Giusto anche annullare il gol del 2-2 degli ucraini per il fuorigioco di Seleznyov.

Alessandro Caltabiano