Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Raduno Inter, conferenza Mancini: “Obiettivo scudetto. Non ho chiamato Salah, Shaqiri può...

Raduno Inter, conferenza Mancini: “Obiettivo scudetto. Non ho chiamato Salah, Shaqiri può andare via perché…”

Roberto Mancini
Roberto Mancini

INTER CONFERENZA MANCINI / APPIANO GENTILE – Oggi è partita ufficialmente la stagione dell’Inter 2015-2016. Al centro sportivo ‘Angelo Moratti’ si raduna parte della squadra a disposizione del tecnico nerazzurro Roberto Mancini, che per l’occasione ha parlato in conferenza stampa:

Mercato
“Fino ad ora la dirigenza ha lavorato bene, la strada intrapresa è quella giusta”.
Kondogbia
“Ha ampi ed enormi margini di miglioramento, potrebbe diventare un big. Può fare sia l’interno che il centrale nel 4-4-2”.
Scudetto possibile?
“Questo lo dirà il campo, noi siamo l’Inter qundi dobbiamo giocare per il massimo obiettivo. La Juve è ancora davanti, ma non siamo qui per cercare di ridurre il gap. Intanto sono contento che molti dei giocatori della passata stagione siano rimasti”.
Auguri a Sinisa
“E’ un grande amico, sono contento che sia sulla panchina del Milan, che ha preso un grande allenatore. Fa piacere che entrambe le squadre di Milano possano tornare protagoniste nella prossima stagione”.
Perisic-Salah verranno all’Inter?
“Non so di quale squadra sia Salah, ma con lui non ho mai parlato. Per Perisic c’è una trattativa in corso. Entrambi sono giocatori importanti”.
Modulo?
“4-3-3 o 4-3-1-2, però non ce n’è uno vincente, bisognerà adattarsi ai giocatori che ci sono e a quelli che arriveranno”.
Kovacic sacrificabile?
“Come qualcun altro si aggregherà più tardi alla squadra, ma è un nostro giocatore, un grandissimo giocatore sul quale noi facciamo affidamento”.
Juve meno forte senza Pirlo e Tevez?
“Hanno preso dei sostituti importanti, magari all’inizio sentirà la mancanza di questi grandi campioni. Lo speriamo…”.
Santon-Shaqiri ‘scaricati’?
“Io e la società crediamo ancora in loro, fosse per me li terrei tutti ma a malincuore, causa lista, qualcuno dovrà andare via”.
C’è stato un chiarimento con Touré?
“Non mi ha più chiamato (ride, ndr), però mi ha fatto capire che è intervenuto qualcuno dall’alto per farlo rimanere. Comunque a lui rimango molto legato”.
Puscas verrà ceduto?
“Non è detto, valuteremo nelle prossime settimane”.
Verrà scelto un nuovo capitano?
“Vedremo, deciderò io nelle prossime settimane. Se farà benissimo e giocherà titolare, non escludo una conferma di Ranocchia”.
Arriverà un vice-Icardi?
“In attacco siamo pochi, ci servono sicuramente giocatori universali”.
Preoccupato per il mancato rinnovo di Handanovic?
“No, assolutamente”.
Ho fatto troppe chiamate?
“Ora ho finito il credito (ride, ndr)… A parte gli scherzi, mi sembra normale che un giocatore parli col suo nuovo allenatore”.
Stankovic sua precisa richiesta?
“Lo volevo come giocatore, ma è in sovrappeso (scherza, ndr)…”.
Situazione Alvarez?
“Credo che il Sunderlan l’abbia riscattato”.
Melo o Mario Suarez?
“Sono bravi entrambi, anche se hanno caratteristiche diverse. Potrebbero essere utili alla squadra”.
Thohir?
“Il presidente ha fatto e farà grandi sforzi, questo vuol dire che tiene molto alla squadra”.
Non giocare le coppe è un vantaggio?
“Forse sì, ma io avrei preferito giocarle”.
Biabiany potrebbe restare?
“Sta lavorando da un mese ed ha esordito con me. Potrebbe rimanere”.
Nagatomo andrà via?
“Lo stimo come uomo e come giocatore, vediamo cosa accadrà in futuro”.
I tifosi hanno ritrovato entusiasmo…
“Niente è come esserci è lo slogan migliore, fino ad ora in molti hanno sottoscritto l’abbonamento. Se giochiamo bene e vinciamo, sono sicuro che in molti verranno allo stadio”.