Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Montoya: “All’Inter per giocare e vincere. Come numero di maglia…”

Montoya: “All’Inter per giocare e vincere. Come numero di maglia…”

Martin Montoya
Martin Montoya

INTER PRESENTAZIONE MONTOYA / RISCONE DI BRUNICO – “Lo seguivamo da molti anni, siamo contenti che abbia scelto di vestire la maglia nerazzurra. Ringrazio il Barcellona per averci permesso di chiudere la trattativa in poco tempo e di aver esaudito il desiderio del ragazzo di vivere questa esperienza”. Con queste parole il dg nerazzurro Marco Fassone ha aperto la presentazione alla stampa di Martin Montoya (in basso le sue risposte alle domande dei giornalisti), il laterale spagnolo che l’Inter ha preso con la formula del prestito biennale più diritto di riscatto.

Cosa ti ha convinto del progetto-Inter? Ti ha convinto Mancini?
“E’ stato difficile lasciare il Barcellona dopo quindici anni, ma sono approdato in un grande club con un progetto emozionante. All’Inter c’è tanta voglia di tornare a vincere”.
Quanta voglia hai di giocare titolare?
“Tantissima”.
Cosa pensi del calcio italiano?
“E’ un calcio tattico, più difensivo. Speriamo di giocare un bel calcio e di far felici i tifosi”.
Dani Alves o Maicon, a chi ti ispiri di più?
“Giocatori veloci e potenti, mi ispiro ad entrambi”.
Le tre cose che ti senti di promettere ai tifosi?
“La voglia di riportare l’Inter alla squadra che era”.
Visto che sei in prestito, ti senti un po’ di passaggio all’Inter?
“Io sono qui per rimanere molti anni e vincere molti titoli. Il presente è l’Inter”.
Senti particolari pressioni dato che vieni da un club come il Barcellona?
“No, vengo da un grande club e sono in un grande club per giocare e vincere”.
Mancini ti ha dato delle garanzie?
“Sono venuto per giocare più partite possibili, ma sarà il mister a decidere se farmi scendere in campo”.
Cosa pensi della campagna acquisti dell’Inter? Lo scudetto è possibile?
“Finora la società ha fatto un buon mercato, la squadra vuole tornare a vincere”.
Quale numero prenderai?
“Mi piacciono il 2, numero che ebbi anche a Barcellona, e il 14, giorno del mio compleanno”.