Inter-Napoli 2-0, le pagelle: Icardi è il leader, ma la vittoria è di tutti

0
86
Inter, Icardi-Chelsea
Icardi©Getty Images

INTER-NAPOLI PAGELLE / MILANO – L’Inter annienta il Napoli con un 2-0 netto a ‘San Siro’. I nerazzurri acquisiscono il risultato già nel primo tempo in virtù delle reti segnate da Icardi e Brozovic.

INTER 

Handanovic 6 Nel primo tempo si limita ad interventi di ordinaria amministrazione, disinnescando una bella conclusione dalla distanza di Allan e uscendo bene su Callejon. Nella ripresa non rischia mai.
D’Ambrosio 6,5 Si dimostra da subito attento di fronte a un avversario ostico come Insigne, e nella ripresa si affaccia con più frequenza anche nei paraggi dell’area partenopea. Positivo.
Miranda 7 Quasi non gli sembra vero di non trovarsi di fronte Higuain. Senza l’argentino, la serata per lui è decisamen te più facile e non gli resta che farsi valere sfruttando esperienza e senso della posizione.
Murillo 7 Come Miranda, nel primo tempo soffre poco o nulla. Al 35′ arpiona un assist per Gabbiadini con una scivolata di precisione chirurgica, e nella ripresa va anche vicino al gol di testa. Finale molto tranquillo per il colombiano, che si permette anche il lusso di tamponare eventuali problemi sulla fascia sinistra.
Nagatomo 6,5 Nella ripresa è determinante con un anticipo preciso su Callejon in area nerazzurra. Lo spagnolo però non è in serata e così il numero 55 nerazzurro ha vita facile, anche perché supportato a meraviglia dai suoi compagni.
Medel 7 Al 4′ veste per un attimo i panni di Jovetic innescando Icardi con un assist al bacio. Poi si assesta sulla mediana a far legna, non dando modo agli avversari di ragionare. E i risultati si vedono, dato che anche Hamsik non si vede mai se non dalla distanza.
Kondogbia 7 Lavoro oscuro molto prezioso in mediana, dove non si risparmia se c’è da recuperare il pallone (sarà anche ammonito per un duro intervento su Mertens). Nel complesso però è una grande prestazione, certificata anche dal lungo applauso di ‘San Siro’ al momento del cambio: se continua così, può rendersi molto utile anche in chiave futura.
dal 68′ Biabiany sv
Brozovic 7,5 L’andamento della gara nel primo tempo non gli permette di mettersi in mostra più di tanto, ma il croato si ritaglia la sua fetta di gloria con un’inserimento da cui nasce il 2-0 interista. Preziosissimo anche nella ripresa, in cui rincorre praticamente qualsiasi cosa si muova dalla trequarti in poi.
Jovetic 7 Dopo l’1-0 l’Inter costruisce di meno e lui si ritrova limitato a compiti di copertura, sul finire della prima frazione però calcia su Reina la palla del possibile 2-0. Potrebbe rifarsi nella ripresa con un pallonetto sontuoso, ma Koulibaly gli nega la gioia del ritorno al gol. In compenso esegue il lancio a Icardi per il 2-0 di Brozovic, mostrando di saper giocare per la squadra, cosa che poi gli viene riconosciuta con il bell’applauso che gli arriva dal pubblico.
> dal 77′ Melo sv
Perisic 6,5  Come Jovetic, non riesce a sfruttare un’occasione nitida per il raddoppio. Sulla sua corsia di competenza si rende pericoloso soltanto a tratti, quando i nerazzurri tengono il pallino del gioco. Prestazione comunque generosissima.
Icardi 7,5 Pronti e via, segna l’1-0 al primo pallone utile. Il match si mantiene equilibrato, e a indirizzarlo ulteriormente arriva un’altra giocata dell’argentino, bravo e altruista nel lanciare Brozovic per il 2-0. La ripresa non è facile, almeno all’inizio, ma il capitano è il primo a dare l’esempio. Prestazione da leader vero.
> dall’88’ Palacio sv

Mancini 7,5 Se non è un capolavoro, poco ci manca. Bastano due gol nel primo tempo per annichilire il Napoli, comunque orfano di Higuain: merito di una prestazione ordinata e compatta, da squadra vera, in cui tutti hanno fatto la propria parte. È a centrocampo che l’Inter stravince la sfida, perché i suoi mediani si mostrano abilissimi sia nel supporto alla difesa, sia nel giocare per gli attaccanti (assist per Medel e gol per Brozovic). Una dimostrazione del fatto che le basi ci sono e che più che sul mercato, in vista della prossima stagione bisognerà lavorare sulla mentalità.

NAPOLI

Reina 6 Incolpevole sui gol nerazzurri.
Hysaj 5,5 Non garantisce apporto in fase di spinta.
Albiol 6 Fa del suo meglio per limitare il passivo.
Koulibaly 5,5 Per due volte perde Icardi sulla linea del fuorigioco.
Strinic 5 Perde il duello con D’Ambrosio.
> dal 50′ Ghoulam 5,5 Appare piuttosto spento.
Allan 5,5 In difficoltà contro il pressing interista.
Jorginho 5,5 Non riesce a brillare.
> dal 73′ El Kaddouri sv
Hamsik 5 Non riesce mai ad innescare i compagni.
Callejon 5 Prestazione opaca al cospetto di Nagatomo.
Gabbiadini 5,5 Miranda e Murillo lo tengono a distanza.
Insigne 5 Non si vede mai. 
> dal 50′ Mertens 5,5 Entra a risultato compromesso e non riesce a incidere.

Sarri 5 Sì, forse si potrebbe addossare la responsabilità della sfida all’assenza di Higuain. Forse persino appellarsi all’arbitraggio (primo gol nerazzurro in fuorigioco). Ma anche no. La verità è che il Napoli ha tanti altri grandi giocatori, e che aveva a disposizione altri 90′ per ribaltare la partita dopo l’1-0 interista: la sconfitta è arrivata soprattutto per un proprio demerito, per non aver saputo reggere il confronto a centrocampo, nel reparto nevralgico del rettangolo verde, dove i nerazzurri hanno fatto il bello e il cattivo tempo mentre i mediani partenopei hanno annaspato per tutta la gara senza riuscire ad accendere la luce.

Arbitro Orsato e assistenti 5,5 Sull’1-0 Icardi appare in leggero fuorigioco, in un episodio che certamente condiziona la gara a vantaggio dell’Inter. Nel complesso però si rende protagonista di errori anche dall’altra parte (ad esempio risparmiando il giallo a Mertens in occasione di un chiaro fallo di mano).

Alessandro Caltabiano