Serie A, Inter-Empoli 2-1: Icardi e Perisic firmano il ritorno in Europa

0
85
Serie A, Inter-Empoli 2-1 ©Getty Images
Serie A, Inter-Empoli 2-1 ©Getty Images

SERIE A INTER-EMPOLI 2-1 / MILANO – Icardi, poi uscito per un problema fisico, e Perisic firmano il successo di una deludente Inter contro l’Empoli che nel finale è andata a un passo dal pareggio. Quarto posto aritmetico. Mancini salva nove-undicesimi della formazione scesa in campo domenica scorsa contro la Lazio. Juan Jesus va a piazzarsi al centro della difesa al posto dello squalificato Murillo, a sorpresa Medel in panchina a vantaggio di Felipe Melo. Davanti Jovetic, con Perisic a sinistra e Brozovic ‘finto’ esterno a destra, in appoggio a Icardi. 4-3-1-2 per la squadra di Giampaolo, che recupera Tonelli schierando Saponara alle spalle di Maccarone e Pucciarelli.

Europa senza convincere

L’Inter parte forte e all’11’ è già in vantaggio: un rimpallo favorisce il contropiede di Perisic a Empoli scoperto, no look del croato con lo scopo di servire Icardi che con un piatto potente fa 1-0. Poi i nerazzurri, come sempre in questa stagione, premono il tasto ‘pause’ favorendo il ritorno dei toscani che creano due palle gol – sulla prima è provvidenziale l’intervento di Juan Jesus sulla conclusione di Saponara. L’azione flash era partita da una palla persa di Felipe Melo. Sulla seconda Maccarone calcia centrale da buona posizione – prima di trovare la rete del pareggio. Jovetic fa e disfa a metà campo, i suoi compagni sono fermi, Maccarone serve Pucciarelli che anticipa Juan Jesus e poi infila con facile tocco la porta di Handanovic. La reazione dell’Inter, in campo sempre scomposta, è immediata e partorisce subito il gol del 2-1: tiro parabile di Jovetic che Pelagotti non trattiene, irrompe Perisic che segna da vero opportunista. A inizio ripresa l’Inter va vicina al tris prima di abbassarsi (troppo) e cercare solo giocate individuali lasciando grande campo a un Empoli ben diretto da Paredes. Mancini mette dentro Eder (per Jovetic) ma poi perde per infortunio Icardi (domani gli esami), sostituito da Biabiany. Giampaolo toglie Buchel per Croce, ma il risultato non cambia. L’Inter vince col minimo scarto, con una grande sofferenza nel finale (Costa a un passo dalla rete a tempo scaduto) e in definitiva con una prestazione poco diversa da quella fornita sei giorni fa all’Olimpico. Blindato il quarto posto, l’anno prossimo sarà di nuovo in Europa, anche se in quella minore.

INTER-EMPOLI 2-1
11′ Icardi, 36′ Pucciarelli, 40′ Perisic

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Juan Jesus, Nagatomo; Felipe Melo, Kondogbia; Brozovic, Jovetic (62′ Eder), Perisic (93′ Medel); Icardi (65′ Biabiany). A disp.: Carrizo, Berni, Santon, Telles, Gnoukouri, Manaj, Palacio, Ljajic. All. Mancini

EMPOLI (4-3-1-2): Pelagotti; Zambelli (82′ Bittante), Tonelli, Costa, Mario Rui; Zielinski (82′ Maiello), Paredes, Buchel (68′ Croce); Saponara; Pucciarelli, Maccarone. A disp.: Pugliesi, Giacomelli, Diousse, Fantacci, Cosic, Camporese, Krunic, Ariaudo, Tchanturia. All. Giampaolo

ARBITRO: Di Bello di Brindisi

NOTE – Ammoniti: 20′ Buchel, 49′ Nagatomo, 86′ Handanovic, 87′ Perisic

Raffaele Amato