Veron: “L’Inter ti cambia la vita. Il Triplete cominciò da noi”

0
233
Veron (Getty Images)
Veron (Getty Images)

INTER-ESTUDIANTES VERON / MILANO – Veron ricorda l’Inter. L’attuale presidente dell’Estudiantes, prossima avversaria dei nerazzurri nell’ambito dell’Inter Summer Tour (l’amichevole si disputerà il 27 luglio a Harrison), si è intrattenuto ai microfoni del sito ufficiale interista rilasciando queste dichiarazioni: “Ritrovare i tifosi dell’Inter è sempre un piacere, così come lo è incontrare alcuni ex compagni e le persone che lavorano nel club. Nei miei confronti c’è ancora tanto affetto e questo mi rende orgoglioso, hanno accolto me e la mia famiglia nel migliore dei modi. A Milano ho vissuto due stagioni bellissime, ricordo con piacere tutti quei momenti, abbiamo gettato le basi per un ciclo storico di vittorie: con Mancini e Mourinho l’Inter ha tagliato grandi traguardi e sento di aver contribuito a quei trionfi anche se sono rimasto lì solo per due anni. Ho seguito con il cuore tutte quelle grandi vittorie”.

Veron: “Rivedrò con piacere Mancini e Zanetti. Mio padre…”

Poi, parlando dell’amichevole di mercoledì prossimo: “Sarà bello incontrare Zanetti e Mancini, io e Javier stiamo vivendo un’esperienza simile fuori dal campo e sicuramente ne parleremo. Mi farà piacere anche rivedere il mister, che mi ha accolto alla Sampdoria da giocatore e poi mi ha voluto all’Inter. Sono personaggi che hanno fatto parte della mia carriera. Questa partita sarà speciale per me, anche per un altro motivo: l’Estudiantes vinse la Coppa Intercontinentale nel 1968 e poi giocò un’amichevole a ‘San Siro’ contro l’Inter, e in campo c’era anche mio padre. Saranno tanti i ricordi che affolleranno la mia mente”.

“Inter? Ho realizzato un sogno”

“L’Inter? Indossare i colori nerazzurri è qualcosa di speciale e porta con sé delle responsabilità. Stiamo parlando di uno di quei club che hanno fatto la storia del calcio, una delle squadre più forti del mondo. Tutti i calciatori sognano di giocare in una squadra così, e io quel sogno l’ho realizzato e non lo dimenticherò mai”.

A.C.