Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Hojbjerg minaccia l’Inter: “Regina d’Europa sei anni fa, ma non abbiamo paura”....

Hojbjerg minaccia l’Inter: “Regina d’Europa sei anni fa, ma non abbiamo paura”. Vecchi…

Hojbierg minaccia: "Inter, non abbiamo paura" - Getty Images
Hojbierg minaccia: “Inter, non abbiamo paura” – Getty Images

INTER NEWS / SOUTHAMPTON (Inghilterra) – Hojbjerg commenta Southampton-Inter. Il centrocampista danese, intervistato dal sito ufficiale dei ‘Saints’, ha rilasciato dichiarazioni colme di desiderio di rivalsa dopo la sconfitta per 1-0 rimediata a ‘San Siro’: “L’Inter è sicuramente un grande club. Soltanto sei anni fa ha vinto tutto con il Triplete diventando regina d’Europa, e per noi è una grande opportunità giocare contro un club come questo. Allo stesso tempo, non abbiamo paura e non ci sentiamo sotto pressione. Abbiamo già dimostrato in diverse occasioni di poter battere questo tipo di formazioni, anche perché anche noi siamo una grande squadra”, le parole di Hojbjerg.

Intanto, l’Inter ha scelto Vecchi. Dalla Primavera all’Europa League

Come si è detto, giovedì sera sarà Stefano Vecchi a sedere sulla panchina dell’Inter. Altra scelta francamente incomprensibile, l’ennesima presa da una dirigenza che con il calcio non ha nulla a che fare. Si è detto che si tratta di una scelta fatta per selezionare il prossimo allenatore in tutta calma e per preservarlo da una sfida insidiosa che – in caso di sconfitta – potrebbe sancire l’eliminazione dell’Inter dall’Europa League. Ma allora, scusate, perché Vecchi? Per rovinare anche la sua carriera? Per far salire il numero di allenatori stagionali a quattro, forse perché tre sono troppo pochi per essere soltanto a novembre? Tanto valeva allertare il sostituto e lasciare al suo posto FdB ancora per due partite, lui che tanto con l’esonero ha già fatto da capro espiatorio per tutti. E se proprio si voleva dare un segnale alla squadra, forse qualcuno della dirigenza (chiamiamola così) poteva intervenire facendosi sentire dai giocatori. Ma tant’è, ormai è andata. Sperando che queste due partite non guastino anche la carriera e la reputazione dell’ottimo allenatore della Primavera nerazzurra.

A.C.