Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Mourinho il romantico: “2010 anno di Inter e interisti. I miei fratelli...

Mourinho il romantico: “2010 anno di Inter e interisti. I miei fratelli in armi…”

Mourinho ai tempi dell’Inter / Getty Images
INTER NEWS / MILANO – Lunga intervista per Mourinho a ‘FIFA.com’. Il tecnico portoghese, indimenticato ex Inter, ha parlato anche del Triplete conquistato con i nerazzurri nel 2010, che gli valse il premio di miglior allenatore dell’anno. “È chiaramente un grande onore, soprattutto perché rimarrà nella storia come il primo premio FIFA per un allenatore”, dice Mourinho. “Il punto è che, come ho già detto altre volte, io sono un uomo di squadra: il 2010 non lo vedo come l’anno del mio premio FIFA, ma come l’anno del Triplete con l’Inter. Non è stata la stagione di Mourinho, ma la stagione dell’Inter e degli interisti. È così che vivo il mio lavoro”.

“Il calcio cambia? Bisogna rispettare il passato”

“Il calcio cambia? Non si possono confrontare periodi, giocatori e generazioni, penso non sia giusto. È facile dire che il calcio di adesso è più veloce, che i giocatori di adesso giocano di più e hanno meno tempo di riposare, è tutto vero. Ma la verità, è che adesso disponiamo anche di palloni più leggeri, di scarpini incredibili e di sessioni di allenamento molto più scientifiche, oltre che di club specializzati nell’accelerare il processo di recupero e di prevenzione degli infortuni. È giusto seguire l’evoluzione delle cose, ma il passato va sempre rispettato“.

Mourinho: “Una top 11? Impossibile. Non dimentico i miei fratelli in armi”

Per il 2016, in lizza per il premio ci sono Zidane, Ranieri e Santos, ct del Portogallo vincitore degli Europei: “Credo che tutti e tre meriterebbero di vincere, perché hanno fatto cose importanti. Ranieri ha fatto un miracolo col Leicester, Fernando ha regalato un sogno al Portogallo e Zidane ha vinto la Champions League. Una top 11 dei miei giocatori? È una risposta che mi rifiuto di dare, non risponderò mai a questa domanda. Ci sono tantissimi giocatori che per me hanno dato tutto, come posso citarne alcuni e dimenticarne altri? Vitor Baia, Petr Cech, Julio Cesar… come posso sceglierne solo uno? Jorge Costa, Ricardo Carvalho, Marco Materazzi, Lucio, Walter Samuel, John Terry… come posso sceglierne uno? Michael Essien, Wesley Sneijder, Nemanja Matic, Costinha, Maniche, Xabi Alonso, Frank Lampard… come posso sceglierne uno? Non risponderò mai a questa domanda, non posso, perché io non dimenticherò mai i miei fratelli in armi“.

A.C.