Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Mancini: “L’Inter mi ha offerto un triennale, ma ho detto no. Ranieri?...

Mancini: “L’Inter mi ha offerto un triennale, ma ho detto no. Ranieri? Non credo che…”

Mancini ©Getty Images

INTER NEWS / Mancini racconta l’addio all’Inter. L’ex tecnico nerazzurro, che dallo scorso agosto aspetta una nuova sistemazione, è intervenuto a ‘Radio Deejay’ per una lunga chiacchierata: argomenti principali, la sua scelta di lasciare Milano e l’esonero di Ranieri da parte del Leicester, club a cui adesso viene accostato.

Mancini: “Ho rifiutato il rinnovo, non c’erano le condizioni”

Gli viene chiesto se è vero che il suo addio ha salvato la stagione dell’Inter: “Ma se sono andato via ad agosto (ride, ndr). Semplicemente non c’erano le condizioni per andare avanti, c’erano delle situazioni che non mi andavano bene. Una volta che la stagione è iniziata, l’allenatore poi deve metterci la faccia, e dal mio punto di vista mancavano ancora delle cose. La nuova proprietà cinese mi aveva anche proposto un nuovo contratto della durata di tre anni. Mancava solo la firma, era tutto pronto, ma io l’ho rifiutato“, ha spiegato Mancini.

Mancini: “Ranieri? Il miracolo è avvenuto l’anno scorso. Io avrei…”

Sull’esonero di Ranieri e sul suo rifiuto al Leicester, Mancini ha aggiunto: “Non è vero che ho rifiutato il Leicester, io non ho parlato con nessuno. Sono già stato lì da calciatore, anche se ho fatto solo cinque partite. In Inghilterra si sono italianizzati, certamente è stata una decisione particolare considerato quello che è stato fatto l’anno scorso da Ranieri. Il vero miracolo è stato l’anno scorso, perché due anni fa il Leicester aveva rischiato la retrocessione fino all’ultima giornata; quest’anno invece sta girando tutto storto, così come l’anno scorso c’è stata un po’ di fortuna. Il calcio è questo. Inoltre, hanno perso un giocatore fondamentale come Kanté senza rimpiazzarlo. Io sinceramente avrei tenuto Ranieri che almeno conosce i giocatori. Ho letto che sono stati i giocatori a chiedere il suo esonero, ma ci credo poco, non ho mai visto un calciatore giocare contro il proprio allenatore”.

A.C.