Inter, Materazzi: ”Moratti unico presidente. E i soldi spesi male…”

0
244
Inter, Materazzi
Milito e Materazzi, maglia celebrativa al ‘Meazza’ prima di Inter-Juve ©Getty Images

INTER, MATERAZZI / MILANO – Intervistato da ‘La Gazzetta dello Sport’, Marco Materazzi ha parlato dell’Inter a 360°: ”Derby del 15 ottobre dopo la sosta può influire tanto: ricordo nel 2011 con Leonardo ci abbiamo rimesso uno scudetto. Alla ripresa ci saranno anche Roma-Napoli e Juve-Lazio, sfide bellissime che non puoi preparare bene se fino al venerdì non hai i giocatori. Possibile che non si riesca a mettere dei paletti nel calendario? Così ci perde lo spettacolo. Abbiamo 16 punti e non la sottovaluterei. Anche perché non fa le Coppe ed è forte fisicamente. Se riesci a vincere anche quando non giochi bene e hai uno stadio come San Siro che ti spinge, nulla ti è precluso”.

Inter, Materazzi: ”Moratti unico presidente. E i soldi spesi male…”

“Ben vengano le sfide con Milan e Napoli dopo la sosta. La famosa “palla là” che piace a Spalletti è quella che un difensore soffre di più. Non a caso contro le piccole l’Inter ha avuto più problemi, perché la “palla là” (cioè lo spazio), non te la lasciano quasi mai. Icardi? E’ un killer, ogni stagione va in doppia cifra. Meglio di lui in giro non ne vedo. Vero che nelle ultime ha un po’ sofferto, ma ci sono periodi così. E lui si esalta con la palla alle spalle dei difensori. Karamoh? Bravo, di gamba e disciplinato. Su Skriniar dico che devo ancora capire se è un giocatore già fatto o solo di prospettiva. Ha personalità e forza fisica. Trequartista? Dico Candreva: ha già giocato lì, ha il passaggio e il tiro da fuori. per segnare da fuori. Uno alla Nainggolan in rosa non c’è perché ce n’è uno al mondo. Tre anni fa era ancora raggiungibile. Tecnicamente e a livello pratico. Costava 10-12 milioni. Ma allora spese piccole non potevamo farne. Solo sopra i 30…. Thohir indaffarato in Indonesia? Il mio presidente è uno solo: Massimo Moratti. Ad oggi, l’importante è che chi lavora a Milano faccia le cose per bene, perché se dopo 7 anni sei ancora fuori dalla Champions significa che in troppi hanno lavorato male. E non mi si parli di fairplay finanziario: i soldi, forse anche troppi, sono stati spesi. Male, però” ha concluso.

S.M. – www.interlive.it