Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Milan-Inter, Boninsegna: “Vorrei rivedere in campo il vero Perisic”

Milan-Inter, Boninsegna: “Vorrei rivedere in campo il vero Perisic”

Roberto Boninsegna (Getty Images)

MILAN-INTER BONINSEGNA INTERVISTA/MANTOVA-Domenica sera si giocherà il derby di Milano e Tuttosport, ha voluto intervistare un giocatore che di derby se ne intende: l’ex attaccante dell‘Inter Roberto Boninsegna. Queste le sue parole in merito: “Il derby a Milano è qualcosa che senti anche nella gente. Per esempio, il mio portinaio era milanista. Ogni volta che c’era il derby, mi fermava in settimana e mi chiedeva: “Signor Roberto, come sta?”, io rispondevo sempre: “Sto bene, lei non si preoccupi”. Tutta la città ti fa sentire che il derby è qualcosa di speciale». Gli hanno chiesto che partita si aspetta e lui ha detto: “Ci sarà una squadra in formissima, che è il Milan e l’Inter che sta attraversando un periodo negativo, sotto tutti gli aspetti, sia di gioco che di risultati. Le due variabili che potrebbero sparigliare un po’ le carte sono il rientro di Icardi, un giocatore importante e un bomber straordinario su cui la squadra fa affidamento; e poi bisognerà vedere quanto ha speso in settimana il Milan in Coppa Italia. Entrambe le cose potrebbero dare una mano all’Inter“. Gli hanno domandato, se si aspettava una flessione simile della squadra nerazzurra da dicembre in poi e lui ha dichiarato: “No, ma credo che non se lo aspettasse nessuno visto che fino al palesarsi della crisi l‘Inter era rimasta agevolmente nei piani altissimi della classifica. Poi ha inanellato una serie di risultati negativi e da inizio dicembre fino alla gara col Genoa ha messo insieme 9 punti, una media quasi da retrocessione. Bisognerebbe capire cosa è successo, perché sinceramente io non so spiegarlo“. Gli hanno domandato se Spalletti ha delle responsabilità e lui ha spiegato: “Quando si vince il merito è di tutti e quando le cose non girano hanno tutti colpe, dai vertici del club fino all’ultimo dei magazzinieri. Non credo sia giusto addossare grandi responsabilità a Spalletti, i panni sporchi poi vanno lavati in famiglia“. Dopo i suoi elogi a Icardi, gli hanno chiesto se l’Inter farebbe bene a trattenerlo e lui ha confermato: “Intanto credo che il fatto che la procuratrice sia anche la moglie, sia una sfiga. Perché poi si finisce a parlare della carriera anche in casa e invece un giocatore dovrebbe rimanere più sereno. Certo, se alla fine Icardi decidesse di andarsene, sarebbe una grande perdita. Se fossi io nella dirigenza cercherei di fare il massimo per trattenerlo“. L’ultima domanda, riguarda un giocatore che vorrebbe vedere in campo domenica sera e lui sorprendentemente ha detto: “Perisic. Nel senso che vorrei rivedere in campo il Perisic vero, non il fratello brutto che dalla fine dell’anno scorso gioca nell’Inter“.