Home Esclusive di InterLive.it Interlive.it – Conte vuole un’altra prima punta: è corsa a due. Ma...

Interlive.it – Conte vuole un’altra prima punta: è corsa a due. Ma Icardi…

Le ultime di calciomercato Inter si concentrano sulla richiesta di Antonio Conte per quanto riguarda il completamento dell’attacco

calciomercato inter icardi milik llorente
Llorente, Icardi e Milik (Getty Images)

Alexis Sanchez o Paulo Dybala, qualora si giungesse allo scambio con Icardi che ci viene dato ancora per possibile, ma anche un’altra punta. Secondo le informazioni raccolte dalla redazione di Interlive.it, infatti, per completare il reparto avanzato Antonio Conte ha chiesto ai suoi dirigenti un’altra punta da poter utilizzare come alternativa a Romelu Lukaku o come partner dello stesso centravanti belga in caso di necessità. Al momento i candidati sono essenzialmente due: il primo è Fernando Llorente, che il tecnico salentino ha già avuto alla Juventus. Lo spagnolo sarebbe anche il più facile da raggiungere dato che è svincolato, anche se su di lui sta puntando forte il Napoli e in Inghilterra si parla sempre di un tentativo concreto da parte del Manchester United. CLICCA QUI per le altre news sull’Inter.

Calciomercato Inter, Conte vuole Llorente o Milik: ma Icardi può rovinare i piani. Le ULTIME di INTERLIVE.IT

Il secondo è Arkadiusz Milik, obiettivo di Piero Ausilio alcune stagioni fa quando ancora militava nell’Ajax e si parlava già di una possibile partenza di Icardi. Il polacco è la contropartita che è pronta a inserire il Napoli nell’ambito dell’affare ‘Maurito’. Rumors parlano di una proposta da 15-20 milioni di euro per l’argentino più, appunto, il cartellino del classe ’94. Un affare, però, che ad oggi difficilmente andrà in porto a causa proprio della riluttanza del centravanti argentino a trasferirsi sotto l’ombra del Vesuvio. Fatti due conti, il rifiuto del classe ’93 – che ha sempre in testa la Juve – a raggiungere Ancelotti in azzurro potrebbe spingere Llorente allo stesso Napoli e Milik alla permanenza, arrecando quindi un ‘danno’ economico e anche tecnico a Conte e alla stessa Inter.