Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Inter: Conte, il modulo e la ‘carta’ Politano

Inter: Conte, il modulo e la ‘carta’ Politano

inter conte modulo
Antonio Conte (Getty Images)

Non siamo fanatici della tattica perché crediamo che siano più determinanti i valori dei calciatori che vanno in campo rispetto a come vengano sistemati gli stessi sul terreno di gioco. Tuttavia è indubbio che la tattica, nello specifico il modulo di gioco abbia la sua importanza. Andando diretti all’argomento, appare evidente il fatto che il 3-5-2 di Conte stia mettendo in difficoltà l’unico vero campione – anche se in età avanzata – che è stato preso nella scorsa campagna acquisti: ovvero Diego Godin. Seppur molto meno, in realtà anche Skriniar: in questo avvio di stagione più volte lo slovacco ha trovato difficoltà di vario genere nell’interpretazione del ruolo di centrale sinistro (lui che è destro, come tutti i suoi colleghi del reparto eccezion fatta per Bastoni) nel terzetto arretrato. CLICCA QUI per le altre news sull’Inter.

Siccome non mettiamo in dubbio l’intelligenza e la bravura di Conte, peraltro nemmeno un integralista tattico visto che all’inizio della carriera la difesa a tre non era certo un suo dogma, non ci sorprenderebbe (e un po’ ci auguriamo) più in avanti un cambio di schema col passaggio alla difesa a quattro che resta senz’altro più nelle corde dei vari Godin e Skriniar e con cui avrebbe la possibilità di alternare più uomini al centro della retroguardia. Con un ipotetico 4-3-1-2 o 4-3-3, inoltre, potrebbe avere più spazio uno come Politano (sia nel tridente che alle spalle delle due punte. Da trequartista si potrebbe provare pure Sensi) che fatica a ratagliarsi spazio nel 3-5-2 e che con tutti i suoi limiti resta uno dei pochissimi della rosa capace di saltare l’uomo in zone del campo pericolose per l’avversario di turno. Volendo anche Lazaro, oggi oggetto misterioso. Più complicato invece il tridente di fuoco, con Lautaro e Sanchez ai lati di Lukaku, poiché sia l’argentino che il cileno sono due punte e quindi il famoso equilibrio – il vero dogma di Conte e quasi tutti gli allenatori – sarebbe pressoché impossibile da trovare.