Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Borussia Dortmund-Inter, Conte attacca ancora la società: “Mi sono scocciato”

Borussia Dortmund-Inter, Conte attacca ancora la società: “Mi sono scocciato”

Le ultime Inter news mettono in evidenza le dichiarazioni del tecnico nerazzurro Antonio Conte dopo la sconfitta in rimonta contro il Borussia Dortmund

inter conte
Antonio Conte (Getty Images)

Da 0-2 a 3-2, a Dortmund l’Inter subisce una rimonta shock e ora per qualificarsi agli ottavi Champions dovrà pensare solo a sé stessa vincendo le ultime due gare della fase a gironi contro Slavia Praga e Barcellona. Nel post gara Conte è un fiume in piena, prende le difesa della squadra tornando a puntare il dito contro la società colpevole – a suo giudizio – di un mercato estivo non all’altezza: “Che cosa è successo nel secondo tempo? Quello che è successo al ‘Camp Nou’, stasera penso anche peggio visto che eravamo in vantaggio di due gol. Dispiace, sorrido ma dovrei parlare sempre delle stesse cose… Sinceramente non me la sento di commentare il secondo tempo, ci sarebbero troppe attenuanti e troppi alibi che non mi va di tirare fuori. Spero che queste partite facciano capire a chi deve capire…”. CLICCA QUI per le altre news sull’Inter.

Borussia Dortmund-Inter, Conte: “Si poteva programmare meglio. Che venisse pure qualche dirigente a dire qualcosa…”

“Faccio fatica a rimproverare i miei giocatori, ce ne faremo una ragione e andiamo avanti. Questa sconfitta dà fastidio, spero lo dia anche ai miei giocatori – ha aggiunto il tecnico – Mi sono scocciato di dire le stesse cose, che venisse pure qualche dirigente a dire qualcosa. Non mi interessa di gennaio, si è programmato ma si poteva programmare molto meglio. Tanti giocatori devono giocare sempre, ecco dico sempre le stesse cose. Sul mercato sono stati fatti errori importanti, stasera abbiamo pagato tanto anche il fattore stanchezza. Quindi c’è poco da andarsi a nascondere dietro un dito, tutti quanti dobbiamo farci un bell’esame di coscienza. Oltre un certo punto non si può andare, chi vuole capire capisca”.