Aubameyang: la concorrenza delle spagnole lo rende una chimera

0
17

Inter, la società nerazzurra pensa ad un rinforzo anche per l’attacco e sogna l’attaccante dell’Arsenal anche se la concorrenza di Real Madrid e Barcellona sembra insormontabile

Aubameyang @Getty Images

INTER AUBAMEYANG SOGNO DIFFICILE/ Martedì sera l’Inter si giocherà al Meazza la qualificazione ai prossimi ottavi di finale di Champions League contro un Barcellona già matematicamente primo nel girone F ma che non vorrà sicuramente fare sconti. L’eventuale vittoria contro i catalani, non solo aprirebbe alla formazione di Antonio Conte le porte della fase a eliminazione diretta nella principale competizione europea, ma permetterebbe a Beppe Marotta e Piero Ausilio di avere un piccolo tesoretto da investire nel mercato di gennaio, per cercare di rendere più competitiva la squadra, sia in campionato che nelle due coppe.

LEGGI ANCHE ->>> Inter-Roma, Conte: “Mirante migliore in  campo”. Poi ‘bacchetta’ i tifosi

LEGGI ANCHE ->>> Marotta: “Fase interlocutoria. Rinforzi? Ecco la condizione”

Sicuramente il reparto che ha bisogno maggiormente di rinforzi, anche a causa infortuni, è quello di centrocampo ma si sta pensando sempre ad un eventuale vice Lukaku. Il nome più accostato è quello di Olivier Giroud che nel Chelsea non trova spazio, ma si pensa anche ad altri possibili profili. Intanto dall‘Inghilterra giunge notizia che non è solo Eriksen che sembra intenzionato a non rinnovare il suo contratto. L’attaccante dell’Arsenal Aubameyang, come ha spiegato nell’edizione odierna il ‘The Sun’, non ha minimamente iniziato una possibile trattativa con la dirigenza della società londinese, per un eventuale rinnovo del contratto in scadenza nel 2021. Il calciatore sarebbe un profilo di altissimo livello, ma naturalmente la concorrenza è agguerrita: in primis c’è il Real Madrid in pole e subito dietro il Barcellona. Una concorrenza che per il momento, appare troppo superiore economicamente alla società nerazzurra, che sta comunque lentamente provando ad arrivare a quei livelli di sponsorizzazioni e introiti.