Calciomercato Inter | UFFICIALE: salta il colpo a zero!

0
53

Le ultime di calciomercato Inter mettono in evidenza il tramonto di un possibile colpo a zero in attacco. L’agente ha confermato le indiscrezioni

calciomercato inter marotta
Beppe Marotta, AD dell’Inter (Getty Images)

Non sarà nella Milano nerazzurra il futuro di Tahith Chong. Stamane in Inghilterra, nella fattispecie il ‘Daily Mail’ ha dato praticamente per certa la sua – a sopresa – permanenza al Manchester United con tanto ovviamente di firma sul rinnovo del contratto in scadenza a giugno. La clamorosa indiscrezione di calciomercato è stata confermata dall’agente dello stesso esterno olandese ai microfoni del ‘Mirror’: “C’era molto interesse nei suoi confronti, abbiamo parlato con grandi società ma i ‘Red Devils’ hanno presentato un buon progetto. Thahit vuole restare con il club che lo ha portato in Inghilterra dai Paesi Bassi”, ha concluso Erkan Alkan. CLICCA QUI per le altre notizie sull’Inter. Qualche minuto fa pure dallo stesso club inglese con una nota ufficiale: “Il Manchester United è lieto di annunciare che Tahith Chong ha firmato un nuovo contratto fino al giugno 2022, con la possibilità di prorogarlo per un altro anno“.

LEGGI ANCHE ->>> Coronavirus, stop allo sport in Italia | C’è il comunicato

Calciomercato Inter, Chong non convinto dal ‘piano’ nerazzurro

calciomercato inter chong marotta jiangsu
Inter, Chong pista concreta (Getty Images)

Sembra che il giocatore e il suo entourage non abbiano gradito il piano dell’Inter che prevedeva il successivo prestito in un club di Serie A ‘amico’. A tal proposito negli ultimi giorni si era parlato con insistenza del dirottamento del classe ’99 al Verona, un’operazione che avrebbe consentito a Marotta e Ausilio di anticipare la concorrenza per Marash Kumbulla, centrale italo-albanese classe 2000 in forza agli scaligeri e nel mirino di diversi top team stranieri, compreso lo United.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:
Calciomercato Inter, Sanchez via | Sostituto in Serie A

L’implosione dell’Inter | Le colpe di Conte e degli altri