Home Calciomercato Inter: ultimi scoop di mercato Altobelli: “Icardi sul campo va promosso ma va bocciato il comportamento”

Altobelli: “Icardi sul campo va promosso ma va bocciato il comportamento”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:52

Inter, l’ex attaccante Alessandro Altobelli ha dato il suo parere sia su Mauro Icardi, sia sulla sua vendita al Psg. L’ex giocatore ha confermato i pregi e i difetti del bomber argentino e anche la scelta giusta della società milanese

Spillo Altobelli

INTER ALTOBELLI SU VENDITA ICARDI/ L’ex attaccante dell’Inter Alessandro Altobelli, è stato intervistato da QS per avere un parere sulla vendita a titolo definitivo di Mauro Icardi. Queste le sue prime dichiarazioni: “Icardi è stato un ottimo attaccante per l’Inter. Considerati gli anni fatti, ha segnato tantissimo. Se si guarda a quel che ha fatto sul campo va promosso a pieni voti, ma ne va bocciato il comportamento”. Poi ha spiegato: “Ha sbagliato quando si è rifiutato di giocare per tutte quelle settimane, lo scorso anno. Aggiungo che a mio avviso non è stato aiutato da chi aveva attorno, considerato anche che è un ragazzo giovane“. Gli hanno chiesto se l’attaccante argentino, qualora fosse rimasto in nerazzurro, avrebbe potuto superarlo nella classifica dei bomber della squadra meneghina e lui ha confermato dicendo: “Sicuramente sì, gli anni di carriera a disposizione li aveva. Finché non è successo quel che tutti sappiamo, per l’Inter è stato la miglior soluzione possibile in attacco“. Gli hanno domandato se la cifra incassata è quella giusta e lui ha detto: “C’era una clausola da 110 milioni di euro, ma la pandemia ha cambiato un po’ le cose. Penso che i prezzi scenderanno anche per gli altri”. CLICCA QUI per le altre news sull’Inter.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, è UFFICIALE | Icardi al Psg a titolo definitivo

Magari la vendita è stata fatta anche per questioni di bilancio, ma Altobelli non è convinto e infatti ha dichiarato: “L’Inter ha pagato il giocatore 12 milioni nel 2013, per cui a 50 milioni fa una plusvalenza importante”.