Jacobs: “Romelu Lukaku l’ho aiutato al massimo per lo 0,001%.”

0
363

Inter, Ariel Jacobs l’allenatore che fece esordire a 16 anni Romelu Lukaku ha voluto dare il suo parere sul suo ex giocatore. Il tecnico non era molto convinto della decisione dell’ex attaccante del Chelsea di trasferirsi in Italia e ne ha spiegato il motivo

Inter
Romelu Lukaku (Getty Images)

INTER JACOBS SU LUKAKU/ Ariel Jacobs l’allenatore che fece esordire a 16 anni Romelu Lukaku quando era all‘Anderlecht, è stato intervistato da Sport/Voetbalmagazine per parlare dell’attaccante nerazzurro. Queste le sue prime parole, in cui si schernisce sul fatto che lo indicano come lo scopritore del giocatore e infatti ha detto: “Non mi spingerò fino a dire che l’ho scoperto. L’ho aiutato al massimo per lo 0,001%. Faccio fatica a capire tutte queste persone che oggi affermano di erano convinti del suo successo, mentre in passato dubitavano delle sue qualità“. Poi ha aggiunto qualche dubbio: “Non al livello della sua mentalità. La sua integrazione nel nucleo A è avvenuta da sola. Grazie al suo comportamento e alla sua umiltà, non è stato un problema. Semmai sulle scelte: voleva assolutamente andare al Chelsea. Era il suo club preferito, quindi quando è uscito non ha esitato. Ne abbiamo parlato molto, i Blues avevano già quattro attaccanti. Quindi nella peggiore delle ipotesi sarebbe stato il quinto attaccante. Quando il Chelsea gioca con due attaccanti ce ne sarebbero al massimo due in panchina, mai tre. Ma voleva realizzare il suo sogno. Per tutte le altre news di calciomercato sui nerazzurri CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, soldi e scambio: ‘beffa’ a Juve e Milan

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, Nainggolan in partenza | Scambio col bomber

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, dall’Inghilterra: “Mourinho vuole il giocatore!”

Quando è partito per l’Italia, anch’io ho aggrottato la fronte. Perché di cosa ha bisogno Romelu per fare gol? Spazio! Questo non è, in senso stretto, quello che c’è in Italia. Tanto di cappello per quello che sta facendo lì”.