Fiorentina-Inter, Stellini: “Conte è la nostra guida. Ecco cosa manca a Barella”

0
239

Le parole del vice di Stellini, vice di Conte squalificato, dopo la sfida Fiorentina-Inter valevole per la ventunesima giornata del campionato di Serie A

Cristian Stellini a Sky Sport

L’Inter supera la Fiorentina al ‘Franchi’ e torna momentaneamente in testa alla classifica. Dopo l’incontro coi viola ha parlato Stellini, il vice di Conte che oggi ha scontato la seconda e ultima giornata di squalifica. Per tutte le altre news sui nerazzurri CLICCA QUI

LEGGI ANCHE >>> Interlive.it | Calciomercato Inter, rinnovo Lautaro: intesa di massima

Fiorentina-Inter, Stellini: “Ora squadra più omogenea. Faccio i complimenti a Gagliardini, e Barella manca qualche gol in più”

Non era semplice venire qui a giocare tre giorni dopo la gara con la Juve, con due soli giorni di recupero – ha esordito Stellini a ‘Sky Sport’ – Abbiamo fatto un’ottima gara, creato tanto e per questo siamo soddisfatti. Gli attaccanti hanno lavorato bene in coppia. Squadra più omogenea ora? Sì, assolutamente, c’è un gruppo di ragazzi generosi“.

GESTIONE CONTE – “E’ normale, quando si vive la partita da fuori è dura tenere a freno il carisma di Conte. Per noi il suo aiuto è molto importante, prendiamo di buon grado tutto quello che ci dice e ci consiglia. Antonio è la nostra guida“.

VICENDE EXTRACAMPO – “In questo momento siamo molto concentrati sul campo, sul gioco, sul lavoro. Abbiamo ancora tanta strada da fare e due competizioni in ballo, pensiamo solo a questo”.

LEGGI ANCHE >>> Interlive.it | Calciomercato Inter, possibile ‘ritorno’ sulla corsia mancina

Cristian Stellini (Getty Images)

PERISIC – “Sta facendo un grande sacrificio nell’interpretare un ruolo diverso, con fiducia e continuità crescerà. Siamo contenti di lui“.

BARELLA – “Nicolò simile al Conte calciatore? Glielo auguro, sta crescendo come tanti giovani che abbiamo. Gli manca di fare qualche gol in più, magari inserendosi di testa…”.

GAGLIARDINI – “Gli faccio i complimenti per come è entrato, con lui siamo diventati più pericolosi sulla fascia sinistra. Ora abbiamo più centrocampisti e li stiamo ruotando”.