Galante: “Immobile e Lukaku sono entrambi fondamentali per i due allenatori e la squadra”

0
142

Inter-Lazio, l’ex difensore Fabio Galante ha voluto dare la sua opinione sulla sfida di questa sera allo stadio Meazza di Milano tra Inter e Lazio. L’ex giocatore ha trovato delle similitudine sia tra i due allenatori che tra i due attaccanti principali delle due squadre

Fabio Galante (Getty Images)

INTER-LAZIO GALANTE OPINIONE/ In vista della partita di questa sera allo stadio Giuseppe Meazza di Milano tra Inter e Lazio, l’ex difensore Fabio Galante ha voluto dare il suo parere intervistato dal sito Lalaziosiamonoi.it. Queste le sue prime dichiarazioni sull’incontro: “Ci saranno sicuramente dei duelli in ogni parte del campo, si sta parlando di due squadre forti, che sono in salute. L’Inter è uscita dalla Coppa Italia ma è tra le tre favorite del campionato, la Lazio la metto un po’ più indietro. Hanno grandi calciatori, Milinkovic, Luis Alberto, Acerbi, che si confronteranno con quelli nerazzurri. Credo che la partita sarà complicata per entrambe”. L’ex calciatore, ha poi voluto mettere a confronto i due allenatori e ha trovato una cosa in comune tra i due ex calciatori ora tecnici e ha spiegato: “Sicuramente preparano bene le partite, ma credo che questo lo facciano tutti gli allenatori arrivati a un certo livello. Se dovessi parlare di somiglianze, entrambi tirano fuori il meglio dai calciatori. Tirano fuori il 110% da ogni giocatori, lo fanno rendere al massimo“.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, niente Inter: ha già firmato con un altro club
LEGGI ANCHE >>> Nervosismo Conte-Oriali: la ‘confessione’ di Barella
LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, rinnovo bloccato | Scambio e addio

Infine l’ex giocatore, ha trovato una cosa in comune anche tra i due attaccanti principali delle due formazioni e ha detto: “Immobile è una conferma, sono tanti anni che fa tanti gol, ed è un calciatore che fa giocare bene la squadra. Lo stesso vale per Lukaku, il 90% delle azioni dell‘Inter passano attraverso lui. Sono entrambi fondamentali per i due allenatori e i compagni di squadra”.