Milan-Inter, Conte: “Temo le prossime due. Eriksen e Perisic, ecco cosa è successo”

0
4269

Le dichiarazioni di Antonio Conte dopo il derby Milan-Inter andato in scena allo stadio ‘Meazza’ e valevole per la 23esima giornata del campionato di Serie A

Antonio Conte a Dazn

Super Inter nel derby, Milan annientato e mini-fuga scudetto per la squadra di Conte. “Vanno fatti i complimenti ai ragazzi, mi auguro però che la vittoria più bella debba ancora arrivare – ha esordito il tecnico nerazzurro al microfono di ‘Dazn’ – E’ stata una bellissima partita, un derby che qui è sempre sentito e soprattutto una partita d’alta classifica che dava maggiori responsabilità. Stiamo seguendo questo percorso di crescita iniziato un anno e mezzo fa, l’abbiamo preparata bene e sfruttato le situazioni a nostro favore che ci sono capitate. Questa vittoria vogliamo dedicarla ai nostri tifosi – ha aggiunto Conte – l’accoglienza fuori lo stadio è stata da brividi, ci ha messo pressione ma alla fine l’abbiamo tramutata in qualcosa di positivo. I ragazzi sanno che temo tanto le prossime due partite contro Genoa e Parma, in queste due dovremo dimostrare di aver fatto quel salto di qualità per poter restare in testa fino alla fine. Da quando è arrivato Ballardini, il Genoa ha svoltato, il Parma sta faticando ma ha una rosa importante. Queste due gare ci diranno cosa vogliamo fare da grandi”. Per tutte le altre news sui nerazzurri CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE >>> Interlive.it | Calciomercato, niente Inter: ha già firmato con un altro club

Antonio Conte (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> Interlive.it | Calciomercato Inter, rinnovo Lautaro: intesa di massima

ERIKSEN E PERISIC – “Penso che il compito di un allenatore sia quello di cercare di migliorare tutti i calciatori a sua disposizione, di portarli dentro la propria idea – ha spiegato Conte riguardo il rilancio di Eriksen e PerisicLa crescita di Christian e di Ivan, come quella degli altri mi rende orgoglioso. Tante volte sono stati espressi giudizzi affrettati su Christian, aveva bisogno di tempo perché veniva da un campionato diverso. Lui si è avvicinato a noi, da parte mia non c’è preclusione per nessuno. Stesso discorso per Ivan, che l’anno scorso non aveva la stessa voglia di mettersi a disposizione come quinto. Quest’anno, invece, lo ha fatto. Oggi ha disputato una bella partita, ha delle potenzialità incredibili, a volte dovrebbe credere di più in se stesso”.

AUTOSTIMA – “Abbiamo un gruppo incredibile, chiaramente si alza l’autostima quando cominci a battere le avversarie dirette. Oggi c’è stata la conferma di una crescita importante, ora dobbiamo continuare così”.

BELLUGI – “Volevo aggiungere un pensiero per Bellugi. Ci uniamo ancora di più al dolore della famiglia”.