L’Inter vende Hakimi (al Psg) e Lautaro | Ecco i possibili sostituti

0
2280

Hakimi sta per lasciare l’Inter dopo appena una stagione. Il club nerazzurro potrebbe però essere costretto a sacrificare anche un altro big

Inter
Hakimi con Lautaro Martinez (Getty Images)

Hakimi sta per dire addio all’Inter. Le ultime indiscrezioni di calciomercato danno il Paris Saint-Germain vicinissimo all’acquisto del suo cartellino. Probabilmente alla fine il club transalpino accontenterà i nerazzurri alzando la proposta da 60 a 70 milioni di euro, il prezzo più o meno fissato da Marotta e soci, attraverso l’inserimento di alcuni bonus facilmente raggiungibili. Il laterale marocchino sarà il primo big ‘sacrificato’ per esigenze di cassa e bilancio, ma è molto probabile che di partenza illustre ce ne possa essere un’altra. Dalla vendita dell’ex Borussia Dortmund, infatti, l’Inter registrerà una plusvalenza tra i 35 e i 40 milioni di euro non sufficiente a ‘stabilizzare’ i conti societari. L’altro titolarissimo destinato alla cessione è Lautaro Martinez, peraltro facente parte della stessa scuderia di Hakimi. Per l’argentino, che a bilancio ‘pesa’ per soli 10-11 milioni, occhio a Real e soprattutto Atletico Madrid. L’obiettivo è incassare 80-90 milioni.

LEGGI ANCHE >>> Antonello: “Inzaghi? Stiamo lavorando. Il progetto non andrà in fumo”

Calciomercato Inter, da Florenzi a Muriel: ecco i sostituti di Hakimi e Lautaro

Calciomercato Inter
Alessandro Florenzi (Getty Images)

Per tutte le altre news di calciomercato e non solo sull’Inter CLICCA QUI.

Il sostituto di Hakimi, come rilancia stamane ‘La Gazzetta dello Sport’, potrebbe essere Alessandro Florenzi che proprio il PSG non è intenzionato a riscattare. Il classe ’91 tornerà così alla Roma con l’incertezza legata alla sua ripartenza o meno, decisivo in tal senso sarà José Mourinho. Per quanto riguarda l’erede di Lautaro, il ‘Corriere dello Sport’ fa i nomi di Muriel dell’Atalanta e Raspadori del Sassuolo. Per il primo la dirigenza interista potrebbe sfruttare gli ottimi rapporti con la ‘Dea’, la quale parte comunque da una valutazione di 30-35 milioni di euro. Possibile l’inserimento nell’affare di una-due contropartite tecniche.