Medico Danimarca: “Eriksen era morto…Non so come abbiamo fatto a riportarlo indietro”

0
200

Inter, parla il medico della Nazionale danese che ha spiegato quanto sono state importanti le cure immediate che sono state praticate al calciatore dell’Inter che lo hanno praticamente riportato alla vita

Inter
Christian Eriksen (Getty Images)

INTER ERIKSEN PARLA IL MEDICO DELLA NAZIONALE/ Il medico della Nazionale danese Morten Boesen, ha voluto fare il punto della situazione sulle condizioni di Christian Eriksen e su quanto è successo ieri quasi al termine del primo tempo della partita con la Finlandia, con il calciatore che è caduto improvvisamente a terra colto da malore. Queste le sue prime dichiarazioni: “Non abbiamo una spiegazione sul perché, non so rispondere. Le condizioni di Christian Eriksen restano stabili e i test preliminari sembrano buoni. Rimane stabile e sta bene date le circostanze. Deve rimanere ancora in ospedale per ulteriori test e osservazioni. I test fatti fino ad ora vanno bene». Il medico, ha poi spiegato che in albergo sono giunti ben quattro psicologi per cercare di tranquillizzare i calciatori scossi da quanto era appena accaduto e ha spiegato: “Ci sono stati quattro professionisti in hotel con la squadra durante la notte. Abbiamo fatto dei gruppi di aiuto, tutti hanno potuto esprimere i loro sentimenti. Questa mattina questi professionisti sono tornati, così i giocatori hanno potuto beneficiare di un aiuto medico, apprezziamo molto l’aiuto arrivato da fuori». Per tutte le altre news CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato Inter, futuro Sanchez | Tutto potrebbe cambiare, il motivo

LEGGI ANCHE>>> ESCLUSIVO | Inter-Napoli, riaperto il dialogo per un giocatore

Il medico ha poi confermato che le cure immediate sono state fondamentali e senza giri di parole ha detto quello che era successo: “Era morto… C’è stato un arresto cardiaco, sì. Non so come abbiamo fatto a riportarlo indietro, è successo in maniera veloce. Non sono un cardiologo, i dettagli sul perché e sul come li lascio agli esperti nella materia».