Doppio colpo (con lo sconto) rinviato al 2022: gli accordi ci sono

0
597

Le ultime di calciomercato Inter mettono in evidenza la probabilità di un doppio colpo all’inizio dell’estate 2022. Ecco i dettagli

Calciomercato Inter
Giuseppe Marotta (Getty Images)

L’Inter non ha ancora metabolizzato la chiusura del calciomercato, anzi sembra esserne ancora pienamente coinvolta da non cancellare dalla sua lista obiettivi i nomi di Nandez e Thuram. Il primo, inizialmente accreditato per prendere il posto di Hakimi sulla fascia destra, si è fatto soffiare la chance da Dumfries ma fino all’ultimo ha sperato di poter sbarcare a Milano per contendersi la titolarità. Il Cagliari, però, ha portato troppo alle lunghe una negoziazione che appariva piuttosto agevole. Il francese, invece, è dovuto restare a Monchengladbach in seguito all’infortunio al ginocchio che ha interrotto forzatamente una trattativa prossima alla conclusione sulla base di un accordo da 25 milioni di euro. Integrare questi due calciatori di talento nel progetto nerazzurro a giugno 2022 non dovrebbe essere quindi difficile, viste le intese di massima soprattutto coi calciatori e i loro agenti (Bentancurt e Raiola). Questo ‘posticipo’ potrebbe rivelarsi persino più conveniente all’Inter, poiché potrebbe sborsare per entrambi la stessa cifra (circa 18 milioni a testa, netto ribasso. Thuram a giugno 2022 avrà un solo anno di contratto con il Borussia…) per un totale di 36 milioni di euro.

LEGGI ANCHE >>> Clamoroso dalla Spagna | Accordo raggiunto: l’Inter gli dice addio

Calciomercato, Nandez e Thuram valori aggiunti per l’Inter

Thuram in azione contro l’Inter (Getty Images)

Per tutte le altre news di calciomercato e non solo sull’Inter CLICCA QUI

L’innesto dei rinforzi di Nandez e Thuram inspessirebbero sia il reparto mediano che quello offensivo. Come già noto, il profilo di Nandez è versatile al punto da poter spaziare un po’ dovunque a centrocampo; i punti di forza di Thuram sono la fisicità, la rapidità e la capacità di saltare l’uomo palla al piede. Entrambi hanno le carte per essere gli uomini giusti non soltanto come turnover ma anche come valide alternative nelle partite che contano.