Commisso accende Fiorentina-Inter: “Senso di falsità”

0
2098

Il patron della Fiorentina Rocco Commisso si è scagliato contro Inter e Juventus. I viola sfideranno i nerazzurri di Inzaghi domani sera al ‘Franchi’

Rocco Commisso ©Getty Images

Rocco Commisso accende Fiorentina-Inter, sfida valevole per la quinta giornata di Serie A di scena domani sera al ‘Franchi’. Intervenuto a ’90° Minuto’, programma di ‘Rai Due’, il patron e presidente del club viola si è scagliato contro i nerazzurri e la Juventus a proposito delle loro difficoltà di natura economico-finanziaria: “Le regole del calcio devono essere trasparenti, perché non è possibile che la Fiorentina porti soldi in Italia per essere in regola con l’indice di qualità, mentre altre squadre come Inter, Juve non lo erano, coi loro giocatori non pagati. C’è un senso di falsità nel calcio – rincara la dose Commisso – come quando l’arbitraggio non è buono”.

LEGGI ANCHE >>> ESCLUSIVO | Inzaghi non lo vuole, cessione immediata Inter

Commisso: “I nostri calciatori li paghiamo”. Rabbia Inter

Rocco Commisso ©Getty Images

Per tutte le altre news di calciomercato e non solo sull’Inter CLICCA QUI

Il numero uno della Fiorentina, che ha collezionato ben nove punti nelle prime quattro giornate di campionato, è un fiume in piena: “Non c’è stato un euro che non è stato pagato in questi due anni. Ognuno dei nostri giocatori è pagato. Fra le grandi, la Fiorentina è l’unica che non ha debiti. Voglio che le altre facciano come noi, se poi ci sono i problemi le altre portino soldi come facciamo noi. La Juventus ha 200 milioni di perdite, qualcun altro (il riferimento è all’Inter, ndr) ne ha 150. Dobbiamo avere un campionato con trasparenza, in cui tutti siano trattati in maniera uguale”.

Naturalmente l’Inter non ha preso bene l’attacco di Commisso, un attacco che viene giudicato ingiusto poiché il club di viale della Liberazione – in questo periodo di grande difficoltà – ha sempre agito nel rispetto delle regole. Non è escluso che oggi, o poco prima della gara del ‘Franchi’, possa arrivare una replica alle dichiarazioni del patron viola.