Dispetto e favore del Napoli: si può chiudere con uno scambio

0
307

Un suggestivo scoop di calciomercato suggerisce che l’Inter possa entrare in contatto col Napoli per un intreccio in cui ci perde e ci guadagna allo stesso tempo

Calciomercato Inter
Aurelio De Laurentiis (Getty Images)

Non fa quasi più notizia l’interessamento dell’Inter per il portiere Onana, in procinto di chiudere la sua avventura olandese con l’Ajax il prossimo giugno 2022. Il club nerazzurro conta ancora di poterlo fare suo a costo zero, sbaragliando la concorrenza. Eppure la concorrenza pare abbia trovato nuovo vigore proprio in Serie A. Il Napoli del grande ex Spalletti, infatti, ha tutte le intenzioni di mettere i bastoni fra le ruote alla trattativa dell’Inter battendola sul tempo. Questo però significherebbe dare la possibilità alla compagine milanese di poter prelevare un Alex Meret perdente posto, alla modica cifra di 25 milioni di euro secondo quelle che sono le valutazioni del patron De Laurentiis. Piuttosto che spendere in un solo colpo una simile cifra – visto e considerato che Onana potrebbe arrivare, ribadiamo, a zero – Marotta potrebbe giocarsi la carta Sensi (cartellino da 20 milioni in plusvalenza) in uno scambio che costerebbe alla fine dei conti giusto 5 milioni di euro. L’intreccio potrebbe filare liscio e accomodare entrambe le parti, se non fosse che il centrocampista nerazzurro è alle prese con l’ennesimo infortunio. Le sorti della trattativa verranno condizionate anche da questo importante fattore.

LEGGI ANCHE >>> Cottarelli: “Interspac in rampa di lancio attraverso mille difficoltà”

LEGGI ANCHE >>> Inter, può servire un vice Skriniar: ‘idea’ a costo zero

Calciomercato, più uscite per l’Inter rispetto al Napoli ma un ‘peso’ in meno

Calciomercato Inter
Giuseppe Marotta (Getty Images)

Qualora la trattativa andasse in porto, lo scenario prevedrebbe Onana al Napoli al posto di Meret che raggiungerebbe l’Inter, da cui partirebbe Sensi per aggregarsi al gruppo dei partenopei. Per i nerazzurri si tratterebbe di spendere giusto qualche soldino extra rispetto alla rivale, con il guadagnato vantaggio di aver rimosso dagli schemi un elemento che finora non ha potuto dare il minimo contributo alla causa per gli evidenti acciacchi fisici che ne hanno interrotto il percorso in più di una occasione.