Addio Sanchez, il grande ex come sostituto: ‘offerta’ in arrivo

0
1844

Alexis Sanchez pesa troppo sulle casse dell’Inter che avrebbe già adocchiato il suo sostituto per un gradito ritorno, si studia l’offerta

Inter
Sanchez in azione col Cile (Getty Images)

Problemi muscolari, poco spazio e un enorme peso economico per le casse dell’Inter: questa la situazione del tassello offensivo Alexis Sanchez, appena rientrato nella lista dei convocati del tecnico Inzaghi e già adoperato come sostituto delle punte a gara in corso. Il calciatore cileno percepisce ben 7 milioni di euro netti all’anno fino al 2023 ed è un costo che non giustifica minimamente quanto ha saputo offrire alla causa nerazzurra sinora. La società dunque avrebbe già pensato di trovare un sostituto che, a pari o simile spesa, potrebbe quantomeno garantire una spinta e una continuità di risultati maggiori. Si tratta di Philippe Coutinho, vecchia conoscenza dell’Inter ed attualmente in forza al Barcellona con cui è legato per altre due stagioni. Tuttavia i ‘Blaugrana’ sono convinti che il calciatore brasiliano possa lasciare definitivamente il club a gennaio, in quanto scalzato da una più giovane concorrenza nel suo ruolo di riferimento. Non si esclude che possa essere riofferto all’Inter anche sotto forma di prestito con diritto di riscatto, col Barcellona disposto a coprire parte della spesa dell’ingaggio (di 10,5 milioni di euro). In corsa ci sono anche Juventus e Milan, ora i giochi sono più aperti che mai.

LEGGI ANCHE >>> Cessione Inter, trapela un dettaglio | Si muove il fondo arabo

Calciomercato, Coutinho piace ad Ausilio ma Inter penalizzata da Sanchez

Philippe Coutinho (Getty Images)

Il direttore sportivo dell’Inter Piero Ausilio nutre profonda stima nei confronti di Coutinho, tanto che premerà per poterlo accasare nei tempi più brevi e con le modalità più favorevoli. L’unico vero intoppo starebbe nel non riuscire a svincolarsi dall’impegno con Sanchez, che al contrario potrebbe insistere nel voler rimanere in maglia nerazzurra fino al termine del suo contratto. In questa cornice l’operazione risulta piuttosto complessa da realizzare e l’Inter dovrebbe guardare altrove.