Torna in auge come post-Sanchez, ma prima deve ritrovarsi

0
78

Viene ormai data per certa la partenza di Alexis Sanchez nella prossima sessione di mercato, così al suo posto torna il nome di un attaccante in forza al Real

Calciomercato Inter
Alexis Sanchez (Getty Images)

Le ultime note agrodolci provenienti dal profilo Instagram di Alexis Sanchez hanno fatto presagire ad una sua dipartita dal mondo nerazzurro già da gennaio ed ora l’Inter vuole accelerare il processo mettendo subito gli occhi su di un valido sostituto. Innanzitutto liberare il cileno non è compito facile, considerati la scadenza di contratto nel 2023 e  l’elevato costo d’ingaggio da 7 milioni che non tutti i club possono permettersi. In quanto al nome che circola nelle ultime ore, si tratta di Luka Jovic, ventitreenne serbo di proprietà del Real Madrid. Secondo quanto riporta la ‘Gazzetta dello Sport’, l’arrivo di Ancelotti sulla panchina dei ‘Blancos’ ha costretto l’attaccante ai margini del progetto. Il suo ingaggio, vicino ai 5 milioni di euro, non sarebbe affatto male per l’Inter che andrebbe addirittura a risparmiarne due. Ma quel che fa più gola è la formula di trasferimento, impostata su di un prestito con diritto di riscatto qualora le prestazioni fossero degne di nota. Ed è proprio questo, forse, il dubbio più grande.

LEGGI ANCHE >>> Bollettino di calciomercato: tre difensori in ballottaggio per Inzaghi

LEGGI ANCHE >>> Colpo low cost senza rinnovo: torna una vecchia fiamma

Calciomercato, Jovic all’Inter con riserva

calciomercato inter jovic
Luka Jovic (Getty Images)

Da quando Jovic è stato acquistato dal Real Madrid nel 2019 le sue prestazioni sono state abbastanza deludenti. Di gran lunga lontane da quelle a cui aveva abituato il pubblico nel corso delle due stagioni precedenti all’Eintracht Francoforte. La maglia degli aquilotti ha significato così tanto per lui che l’ha vestita nuovamente proprio la scorsa stagione, anche in questo caso senza brillare. Appena 18 le presenze, 4 le reti. Un bottino scarno di cui l’Inter farebbe ben poco. Quel che ai nerazzurri conta è l’impatto sulle partite, il modo in cui servi il pallone e lo insacchi.