Calciomercato Inter, il rinnovo non ‘blinda’ Lautaro: 165 milioni dalla Premier

0
402

Nonostante l’accordo sul rinnovo, la permanenza di Lautaro Martinez all’Inter non è assicurata. C’è una forte pressione dall’Inghilterra

Inter
Lautaro Martinez © Getty Images

Sono trascorse settimane da quando l’Inter e il suo gioellino Lautaro Martinez hanno raggiunto l’accordo sul rinnovo del contratto che prevede 6 milioni di ingaggio per i prossimi cinque anni, ma l’ufficialità non è ancora giunta per una serie di questioni di ‘scarsa rilevanza’. L’intera dirigenza nerazzurra si è comunque rivelata soddisfatta del finale positivo della trattativa ed è pienamente convinta del ruolo di prim’ordine che il proprio attaccante riveste all’interno del progetto. Ciononostante questa serie positiva di dettagli non può, anzi non deve far dormire sonni tranquilli: il ‘Toro’ è ancora nel mirino di moltissimi club pronti a sborsare cifre enormi, fra cui soprattutto il Tottenham pronta al tentativo in gennaio. E l’Inter ha messo in conto di doversi liberare di almeno un altro big entro la fine dell’anno. Oltre a Barcellona e Real Madrid, da sempre nei sogni del calciatore, c’è anche l’avvento di un determinato Manchester City del suo estimatore Guardiola. Questi ultimi potrebbero addirittura arrivare ad offrire all’Inter la prossima estate una patata bollente da quasi 100 milioni di euro mentre al calciatore potrebbero promettere un ingaggio da 10 milioni per i prossimi cinque anni, per un investimento complessivo da ben 165 milioni di euro.

LEGGI ANCHE >>> Infortunio Lautaro, sospiro di sollievo per Inzaghi: le ultime

LEGGI ANCHE >>> Paradosso Sensi: investe in start-up anti infortuni

Calciomercato, Lautaro verso i ‘Citizens’ ma che danno all’Inter

Calciomercato Inter
Lautaro Martinez © Getty Images

Il possibile trasferimento di Lautaro Martinez verso altri lidi come quelli dei top club inglesi, primo fra tutti il Manchester City, garantirebbe all’Inter un incasso mostruoso al pari di quelli ottenuti grazie alle cessioni di Lukaku ed Hakimi. Come lato negativo, tuttavia, sorgerebbe il fatto di privarsi di un uomo essenziale per i registri di gioco di Inzaghi, capace di offrire prestazioni a livelli altissimi e portare l’Inter a nutrire ambizioni sempre maggiori.