Calciomercato Inter, restyling in difesa: ecco il sostituto di D’Ambrosio

0
1036

Caccia al sostituto di D’Ambrosio per rinnovare il parco difensivo dell’Inter, si pensa ad un nome in esubero del Torino

Non manca molto alla fase finale di Armando Izzo, difensore centrale classe ’92, nella lunga esperienza con la maglia del Torino costellata di qualche soddisfazione che gli ha valso persino la chiamata in Nazionale.

D’Ambrosio in allenamento pre-Champions League ©LaPresse

Il club granata, oramai lontano dall’ottenere gli stessi risultati di qualche anno fa, ha infatti espresso il proprio desiderio di volerlo cedere il prima possibile. Su di lui ci sono già diverse squadre italiane tra cui Juventus, Roma, Udinese ma anche l’Inter, nonostante Marotta abbia deciso di chiudere le porte per ogni nuovo innesto nella sessione di calciomercato invernale. La soluzione giungerebbe dunque la prossima estate, quando diversi calciatori nerazzurri lasceranno a loro volta l’Inter per fare vela altrove: primo fra tutti Danilo D’Ambrosio, terzino destro e difensore centrale all’occorrenza, che potrebbe essere preso in considerazione proprio dal Torino per uno scambio ad armi pari con Izzo.

LEGGI ANCHE >>> E’ dal 2 ottobre, in casa del Sassuolo: ormai è un ‘caso’

LEGGI ANCHE >>> La Juventus prova ad anticipare l’Inter: blitz in Germania

Calciomercato, Inter su Izzo per rinfrescare la difesa

Il difensore centrale del Torino, Armando Izzo ©LaPresse

Izzo nasce come difensore centrale, preferibilmente impiegabile sul fronte destro di una difesa a tre per sfruttarne meglio le qualità di lettura e anticipo delle giocate avversarie ma anche la grande dinamicità per imbastire azioni offensive dal basso. Occasionalmente può essere impiegato come esterno destro senza troppe difficoltà. Un profilo interessante per Inzaghi che, come noto, cerca in un difensore proprio queste caratteristiche a tutto tondo. Un peccato che il calciatore in questione abbia visto il suo minutaggio ridursi sempre più col passare delle stagioni al Torino, ma non si esclude che l’Inter possa essere una buona rampa di lancio da cui poter spiccare nuovamente il volo.