Esultanza Calhanoglu: ecco cosa è successo dopo il derby

0
145

L’esultanza di Calhanoglu ha fatto storcere il naso a molti tifosi rossoneri dopo il rigore messo a segno nel sentito derby ma sorprendono altre reazioni

Che la presenza di Calhanoglu con la maglia dell’Inter potesse infastidire i tifosi del Milan era data per scontato, visto che fino a qualche mese fa era legato ai colori rossoneri come una delle pedine migliori. Segnare poi un gol su rigore contro l’ex squadra, non in una partita qualunque ma nel derby più seguito d’Italia, accresce questo sentimento di rivalsa.

Calhanoglu esulta sotto la Curva Sud ©LaPresse

Come se non bastasse, il centrocampista si è lasciato andare ad un’esultanza poco contenuta sotto la Curva Sud portandosi le mani alle orecchie come per dire “io sono qui e voglio sentirvi, urlate il mio nome”. Questo gesto non è stato visto di buon occhio non soltanto dalla tifoseria che lo ha ricoperto di fischi, come spesso avviene in queste circostanze, ma anche dai suoi vecchi compagni di squadra (e soprattutto di Florenzi, col quale non ha mai giocato, scattato in piedi dalla panchina con visibile furia) che hanno preferito non salutarlo a fine gara. L’ironia della sorte ha voluto che soltanto  lo abbia abbracciato, in nome di un’amicizia che li lega anche fuori dal campo e che dunque trascende la fede calcistica.

LEGGI ANCHE >>> Inzaghi scontento di Lautaro, cambio rigorista

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, maxi richiesta e addio | L’erede dalla Serie B

Calhanoglu solo un ricordo, ora l’idolo è Florenzi

Alessandro Florenzi ©LaPresse

Il gesto di Calhangolu ha messo una croce sopra il suo vecchio legame con il Milan, per i tifosi vale lo stesso. Questi ultimi non hanno però perso tempo ad inneggiare a gran voce la reazione di Florenzi all’esultanza del centrocampista turco in un video che è diventato virale sui social. Sebbene i numerosi acciacchi fisici non gli abbiano permesso di incidere sul campo, sicuramente Florenzi è riuscito a conquistare qualche cuore anche dalla panchina quasi fosse un rossonero da sempre.